Recensioni

Recensioni
Recensioni A-Z

Consigli di lettura

Consigli di lettura
IN LIBRERIA

Blogtour

Blogtour
Blogtour & Review Party

RECENSIONE : La Mia Musica Sei Tu di Alessandra Angelini

Dopo una settimana di forzata lontananza causata da una necessaria full-immersion nello studio in vista dell'imminente sessione di dicembre - che mi ha messo addosso da sempre una discreta ansia - conclusasi fortunatamente nel migliori di modi, torno finalmente con voi per condividere la mia ultima recensione emergente del romanzo La Mia Musica Sei Tu di Alessandra Angelini che ringrazio per la copia che mi ha gentilmente inviato. Venite con me a scoprire i retroscena che si nascondono dietro una band di successo - i litigi e le avversità, i giochi di potere e le delusioni, il successo e le cadute con la voglia di rialzarsi insieme - e di come l'amore sia in grado di unire due anime così diverse, ma destinate a ritrovarsi.

LA MIA MUSICA SEI TU di Alessandra Angelini
È difficile essere all'altezza di un padre che è un’istituzione. Lo è per Isabella, cresciuta in una famiglia dove dimostrarsi inappuntabile non è una scelta, ma un dovere. Essere quello che gli altri si aspettano però non è sinonimo di felicità. Il tradimento del suo fidanzato storico le fa capire che è arrivato il momento di dare una svolta alla sua vita, trasferirsi a Bologna e cambiare sede di studi sono i primi passi in questa direzione. In una notte che cambia tutto! Isabella conosce Denis: estroverso, vitale, l’antitesi del suo mondo. E in quella notte con lui, infrange tutte le regole. Tatuato e batterista in una punk rock band, i Bad Attitude, Denis non è il genere di ragazzo che possa portare a casa. Ma quando lui è l’unica persona che ti fa stare bene, ti fa sentire giusta, cosa sono le convenzioni? Quando i problemi con la band e una famiglia invadente si fanno seri, l’amore e la passione per la musica basteranno ad aiutarli a realizzare i loro sogni?
La Mia Musica Sei Tu è un romanzo che mi ha lasciato dentro un vortice incontrollabile di emozioni che, appena voltata l'ultima pagina, sento l'inevitabile necessità di condividere con voi. 
Ammetto che inizialmente non mi sono sentita immediatamente catturata dalla sua magia, anzi. 
Leggevo quelle pagine con un vago senso di diffidenza misto ad una costante curiosità che mi ha portato, poi, nel prosieguo della lettura, a lasciarmi tentare, emozionare e cullare da una complicata storia d'amore capace di attraversare le note più dolci ed amare di una ordinaria normalità che solo la musica è in grado di accarezzare con autenticità, consapevolezza e rispetto.
Quello che più mi ha spinto ad immergermi in questa lettura praticamente fino a notte fonda, è stata l'accurata attenzione che l'autrice ha posto sui risvolti psicologici legati ad alcuni dei suoi personaggi e protagonisti. Isabella è una ragazza distrutta da una relazioni finita decisamente male e dall'opprimente presenza di un padre ingombrante che l'ha sempre annullata tanto da condizionarne vita e decisioni mai improntate verso la sua personale felicità e proprie ambizioni, ma unicamente soddisfacendo le sue egoistiche volontà ed il suo eccessivo ego. Denis è il ragazzo che le farà compiere quel salto necessario a raggiungere una felicità che crede di avere, ma che in realtà non le è mai stato permesso di conoscere, vivere ed assaporare appieno. Denis è la sua regola infranta. Denis è quella libertà, quelle barre spezzate di una vita che, fino ad allora, non aveva vissuto.

Tra di loro scatta un'irrefrenabile alchimia che si trasforma inevitabilmente in attrazione fisica, immediata ed esplosiva, quantomai pericolosa; un imprevedibile colpo di fulmine che li renderà inconsapevolmente uniti in un vortice di nuove emozioni, sfide imprevedibili e colpi di scena capaci di condurli apparentemente verso strade diverse. Strade che, però, il destino torna a congiungere in una cornice musicale che si prospetta come una meravigliosa, attenta e coinvolgente colonna sonora! 
La stessa attenzione - riversata su una storia d'amore capace di attrarre a sé anche i cuori più freddi e recalcitranti - è stata rivolta ai numerosi personaggi che ne condividono il palcoscenico, attraverso uno stile linguistico fresco ed accattivante, semplice e diretto capace di attirare il lettore nella sua trama intricata, ma razionale e mai contraddittoria. Ho amato particolarmente la recalcitrante dolcezza e fragilità di Julien, un ragazzo che dietro la facciata del bad boy nasconde un cuore immenso e generoso; la complicità e divertente sfrontatezza di Cate; la solidità e la lealtà di Nico; l'amicizia ed il forte legame che unisce i Bad Attitude fatto di fraintendimenti e litigi, ma soprattutto di aiuto, di confronto e di sfide da superare e vincere insieme. La Mia Musica Sei Tu non è semplicemente un romanzo d'amore - anche se la storia di Denis e Izzy farà battere il cuore di molti - ma si presenta come un racconto corale perfettamente costruito in un susseguirsi di colpi di scena, rispettando sempre un'autentica armonia che accompagna il lettore, mano nella mano, fino al suo epilogo. 

E' un romanzo che attraversa con rispetto ed imparzialità le più oscure e controverse spaccature della società moderna; affrontando quel male contemporaneo come il classismo, il senso di strapotere e di ossessiva superiorità, i pregiudizi e le numerose imposte barriere sociali che vincolano l'uomo nella sua perfetta bolla, incapace di andare oltre sè stesso e limitandosi ad escludere a priori chi viene considerato diverso e non all'altezza delle nostre assurde aspettative! E con la stessa delicatezza, tra le pagine di questo romanzo, è possibile ritrovare ogni contrastante sentimento ed emozione che viviamo nel nostro quotidiano sulla nostra pelle o su quella di chi amiamo: la tossicodipendenza, la voglia di indipendenza e di guadagnata libertà, il desiderio di rinascita o semplicemente l'assoluta necessità di guidare la propria vita e di non essere più l'ignaro e passivo spettatore.

3 commenti

  1. Grazie a te Cristina <3 Bellissima recensione, bella analisi che ha toccato dei punti molto importanti per me!
    PS. ora voglio sapere il nome della tua band del cuore!!!!

    RispondiElimina
  2. Wow Cristina, una bellissima recensione, complimenti :D
    A forza di sentire parlare del romanzo di Alessandra sto iniziando a incuriosirmi parecchio!

    RispondiElimina

Leggere in Silenzio vive attraverso i vostri commenti, quindi lasciate un segno del vostro passaggio! Grazie per il vostro sostegno, Lettori.

Powered by Blogger.
Back to Top