Recensioni

Recensioni
Recensioni

Consigli di lettura

Consigli di lettura
Consigli di lettura

Blogtour

Blogtour
Blogtour

[ GSSP Fare Un Romanzo ] Quando Le #BancarellaBlogger Diventano Giurate | Scopriamo insieme gli elementi del romanzo

Buongiorno Silenziosi Lettori! 
Se vi è capitato di lanciare uno sguardo alla pagina facebook la sigla GSSP non vi risulterà affatto nuova...
Per tutti gli altri, di cosa sto parlando?


« Il Gruppo di Supporto Scrittori Pigri è un laboratorio di scrittura online della durata di tre mesi, durante il quale i partecipanti lavorano a esercitazioni e romanzi su una piattaforma condivisa e protetta da password. È pensato per chi vuole mettersi alla prova con la scrittura narrativa, per chi cerca la propria voce 
o per chi ha semplicemente bisogno di una scusa per scrivere qualcosa ogni settimana. »

Dopo aver conosciuto più da vicino il Gruppo con La Libridinosa, la gara degli incipit insieme a La spacciatrice di libri e il Forum grazie a La lettrice sulle nuvole, oggi andremo ad indagare in profondità scoprendo insieme a Barbara Fiorio - scrittrice e capobranco del GSSP - quali elementi non possono certamente mancare in un romanzo e in che modo il laboratorio lavora, passo dopo passo, insieme agli intrepidi scrittori pigri. 
Per ulteriori informazioni: http://www.scrittoripigri.com/

GLI ELEMENTI DEL ROMANZO

Nel GSSP Fare un romanzo io faccio lavorare gli Scrittori Pigri su quelli che considero gli elementi principali per definire la struttura di un romanzo. Si comincia dal PROTAGONISTA: ognuno deve presentare il proprio e farlo con dettagli anche minuscoli, anche quelli che potrebbe non usare mai nel libro, come, che so, la misura delle scarpe o il gusto preferito del gelato. L'autore deve conoscere molto bene il proprio personaggio principale per poterlo far muovere con coerenza nella storia. Poi si lavora sul suo LINGUAGGIO: la caratterizzazione di un protagonista (ma non solo di un protagonista) passa anche dal suo linguaggio, lo rende riconoscibile e tondo, tridimensionale.

Pensate ai vostri protagonisti preferiti: probabilmente vi siete immaginati anche la voce, di sicuro siete arrivati a un punto nel libro in cui vi era chiaro che quella cosa lui non l'avrebbe mai detta o fatta. Perché ormai lo conoscevate. L'autore deve conoscerlo prima di scriverne, secondo me. Anche se a volte, certi personaggi, soprattutto quelli secondari (o nati come tali) si fanno conoscere durante la scrittura e a volte hanno una tale personalità da diventare coprotagonisti. Quando gli Scrittori Pigri si sentono sicuri, PASSIAMO AL CONFLITTO E ALL'ANTAGONISTA. C'è poco da fare: il protagonista deve avere un problema da risolvere, sennò non c'è la storia. 
L'antagonista può essere una persona, una malattia, una paura, qualunque cosa l'autore voglia, ma è necessario per far evolvere non solo il racconto ma il protagonista stesso. Pensate ai vostri romanzi preferiti: se io vi chiedo Qual è il problema - o il desiderio - del protagonista? avrete sempre la risposta.
A questo punto c'è già molto per definire il romanzo, ma un romanzo non è un racconto, un romanzo di solito ha una trama principale e alcune sotto trame: bisogna scoprirle. Dopo averlo fatto, possiamo stabilire chi siano gli altri personaggi, quelli che aiutano protagonista e antagonista a dare corpo alla storia: ognuno di loro deve avere una funzionalità narrativa per avere senso. "Perché mi piace" non è mai una motivazione sufficiente.
E adesso si possono individuare i passaggi principali, gli snodi fondamentali della storia.

Bene, le idee ora sono molto più chiare e ci abbiamo lavorato tutti insieme un paio di mesi.
A questo punto bisogna scrivere la sinossi, quella da presentare agli editori o agli agenti per far capire nel dettaglio di cosa parla il romanzo, che nel GSSP verrà valutata da Alice Basso e poi si è pronti per cominciare. 
E si comincia a scrivere il primo capitolo, di cui io e Margherita Trotta facciamo l'editing.
Quello è il momento in cui finisce il laboratorio: gli Scrittori Pigri hanno tutti gli strumenti e la chiarezza di idee per andare avanti da soli e scrivere il loro romanzo. Ognuno col proprio stile, la propria voce, la propria chiave di lettura, il proprio genere. Ognuno in italiano corretto, senza refusi, con la punteggiatura giusta, magari senza troppi aggettivi qualificativi, magari evitando il più possibile frasi fatte e luoghi comuni, magari senza scivolare nei cliché, ma queste sono accortezze sulla scrittura e la presentazione di un testo...


In conclusione, permettetemi di ringraziare ancora una volta pubblicamente Barbara Fiorio per la sorprendente ed inaspettata nuova avventura come giurata professionale del concorso Vinci il GSSP - Fare un romanzo insieme alle mie colleghe e amica #bancarellablogger e, potete giurarci, non vediamo l'ora di leggervi! Ovviamente, il nostro viaggio non finisce qui: prossimo e imperdibile appuntamento il 22/08 insieme alle Due Lettrici Quasi Perfette

2 commenti

  1. Interessante la lista di punti base per scrivere un romanzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, eh! Molto interessanti sia per chi scrive che per chi legge il libro ;)

      Elimina

Leggere in Silenzio vive attraverso i vostri commenti, quindi lasciate un segno del vostro passaggio! Grazie per il vostro sostegno, Lettori.

Powered by Blogger.
Back to Top