Recensioni

Recensioni
Recensioni A-Z

Consigli di lettura

Consigli di lettura
IN LIBRERIA

Blogtour

Blogtour
Blogtour & Review Party

[ QUESTA VOLTA LEGGO... ] « Ritorno a Riverton Manor » di Kate Morton


Cosa succede quando un gruppo di blogger -  che promettono di non avere buone intenzioni - decide di raccontare le proprie letture, mese dopo mese, partendo da uno specifico argomento?
Nasce #QuestaVoltaLeggo, ovviamente! Una rubrica partorita dalla mente di Chiara di La lettrice sulle nuvole in collaborazione con Laura di La Libridinosa - che tra le altre cose si era pure dimenticata di avvisarmi - e Dolci di Le mie ossessioni librose. La sottoscritta non poteva che cogliere l'occasione al volo ed oggi - rispondendo alla voce Libri ricevuti a Natale - vi parlo di una lettura che ho divorato con la mia solita, implacabile frenesia che prende il sopravvento quando si tratta di Kate Morton, Ritorno a Riverton Manor nella nuova veste grafica adottata da Sperling&Kupfer.

RITORNO A RIVERTON MANOR di Kate Morton
Prezzo: 19.90€ | Pagine: 485
Nella scena del suo film, la giovane regista Ursula Ryan immagina uno dei momenti più drammatici della storia letteraria inglese, uno scandalo da sempre circondato da un'aura di mistero, perdizione e genio maledetto. Era l'estate del 1924 e i sopravvissuti alla carneficina della Grande Guerra si ritrovavano a divorare la vita come se non ci fosse un futuro, come se dovessero rimanere per sempre giovani. Tra feste alla Grande Gatsby, fiumi di alcol, amori che duravano lo spazio di una notte, quei ragazzi creavano il mito dei ruggenti anni Venti. Tra loro, era Lord Robert Hunter, astro nascente della poesia, ammirato e celebrato da tutti. Eppure, proprio quell'estate, proprio a una delle feste più belle, quella di Riverton Manor, Robert si allontanò da solo. E stringendo una pistola con mano tremante, si tolse la vita. Per Ursula, settantacinque anni dopo, quel poeta è diventato leggenda. Almeno fino a quando scopre che è rimasta una testimone degli eventi. È Grace, custode quasi centenaria di un terribile segreto.
Un segreto che ora non può più tenere per sè.
Quando si parla di letteratura Kate Morton è uno di quei porti sicuri su cui so di poter contare e di cui non potrei mai fare a meno. Eppure, un tassello mancava all'appello: Ritorno a Riverton Manor, sorprendente esordio di una scrittrice che si è confermata autentica ed irresistibile, conquistando lettori in tutto il mondo grazie ad uno stile dinamico e brioso in grado di stupire, naturalmente. La Morton è una scrittrice che non si tira indietro, aperta e coraggiosa che sa perfettamente quali corde sfiorare per mettere il lettore sull'attenti, pronto a cogliere ogni indizio e sfruttare ogni più piccosa sfumatura, ma destinato inevitabilmente alla resa finale.

Affacciandosi quasi timidamente su un segreto taciuto e protetto da oltre sessanta lunghi anni, Ritorno a Riverton Manor viaggia su due linee temporali che prendono letteralmente vita grazie alla voce timorosa, ma decisa di Grace Bradley cameriera, prima, presso la tenuta e poi cameriera personale dell'affascinante e volubile Hannah Hartford. Cosa accadde veramente nell'estate del 1924 sullo sponde del lago di Riverton Manor? Cosa ha spinto il giovane ed affermato poeta Lord Robert Hunter a compiere l'estremo gesto proprio in quel luogo? Kate Morton ci accompagna al centro nevralgico di una storia che davvero non ha nulla di convenzionale dove personaggi ed ambientazione viziano il lettore giocando con la sua più fervida immaginazione e spingendo a congetture che - come nel migliore dei romanzi - verranno drasticamente smentite. Questo è il sorprendente esordio letterario di Kate Morton! 

Un romanzo che raccoglie in modo perfetto e puntuale il respiro, il fascino e la forza dei grandi classici senza mai cadere nei più banali clichè e, anzi, regalando al suo lettore pathos e dinamicità sempre rinnovati, capitolo dopo capitolo. È una storia appassionante quella raccontata dalla Morton con uno stile inevitabilmente più acerbo rispetto ai romanzi che lo hanno seguito, ma che sa conquistare il lettore fin dalle prime battute, giocando sul delicato ruolo del detto-non detto e supportata da un'ambientazione che rimanda al periodo inglese a cavallo dei fulgidi anni venti, affascinante e ricco di mistero. Un periodo che evidenzia e porta alla luce i primi cambiamenti politici, sociali, economici e culturali che si riflettono chiaramente nella molteplicità caratteriale che trova spazio al centro di un palcoscenico narrativo coerente, puntuale e fantasioso. Per  chi ha avuto il piacere di conoscere lo stile di Kate Morton si renderà pienamente conto che i personaggi da lei creati e le ambientazioni rappresentate sono i maggiori punti di forza dei suoi romanzi, nonchè segni distintivi di un genere chiamato a coinvolgere ed affascinanre. Anche in Ritorno a Riverton Manor salta immediatamente all'occhio di un attento lettore la scrupolosità e la cura adottata dalla scrittrice che non lascia nulla di intentato, nulla al caso. I personaggi, ad esempio, risultano essere indubbiamente caratteristici ed in grado di rappresentare luci ed ombre, sfumature e curiosità di una società in continua evoluzione. Un plauso particolare alle protagoniste femminili, Grace e Hannah. Tradizionali e anticonformiste, classiche e moderne riescono a conferire vitalità e ritmo ad un romanzo che coinvolge fin dalle prime battute, spingendo verso una lettura dinamica e frizzante, assolutamente da divorare.

E senza rendermene pienamente conto è proprio questo che è sostanzialmente accaduto nella seconda metà di Ritorno a Riverton Manor. Una lettura frenetica ed inarrestabile che mi ha condotto dinanzi all'atteso e rincorso segreto con il candore di chi lo aveva solo in parte sfiorato, senza mai afferrarlo del tutto! La bellezza di questo romanzo, a mio avviso, risiede soprattuto nella naturale capacità della Morton di sovrapporre presente e ricordo in modo preciso, coerente e vivace accrescendo un'empatia che si evidenzia chiara e prepotente fin dalle prime pagine. Ho amato, in modo particolare, i suoni, i colori, la musica e le contraddizioni di un'epoca che la Morton evoca senza particolari fronzoli, semplicemente cosciente di un fascino naturale che non poteva essere, altrimenti, disilluso.

43 commenti

  1. Ecco la Morton è una di quelle scrittrici che ho sempre intenzione di leggere ma che per un motivo o per l’altro rimando sempre. Ma mi devo decidere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ero nella tua stessa situazione fino a quando mi è capitato tra le mani Una strana follia, da lì non mi sono più fermata!

      Elimina
  2. Mi hai appena ricordato che lo voglio leggere da una vita!!!!

    RispondiElimina
  3. Interessante questo genere di libri, sembra proprio una bella lettura

    RispondiElimina
  4. Ho letto due libri della Morton e mi sono piaciuti. Questo mi manca e spero di recuperarlo prima o poi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno non sono la sola ad aver lasciato indietro l'esordio della Morton ;)

      Elimina
  5. Ho adorato la Mortono, finora sono riuscita a leggerne uno solo, devo decidermi a recuperare (ma quando????)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh tempo tiranno. Ma so che mi stupirai :)

      Elimina
  6. Ciao! Della Morton ho letto solo L'ombra del silenzio e non mi aveva fatto impazzire. Penso però che abbia del potenziale che devo ancora scoprire, magari proprio con questo libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso assicurarti che è una scrittrice da scoprire. Prova con questo romanzo o con Il Giardino dei Segreti. Io li ho adorati!

      Elimina
  7. Io ho acquistato "Il giardino dei segreti" mesi fa, perché l'avevo trovato in super sconto. Non l'ho ancora iniziato, quindi non posso esprimere alcuna opinione sullo stile. Però di sicuro leggere la tua recensione ha rinverdito il mio proposito di leggere almeno un suo romanzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania! "Il giardino dei segreti" è forse il mio libro preferito della Morton. Te lo consiglio :)

      Elimina
  8. Io non ho mai letto questa autrice, ma le tue parole mi hanno incuriosita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere, Manuela. Io non posso che consigliartela!

      Elimina
  9. Non ho mai letto nulla della Morton, quale credi sia il suo libro migliore? Mi sembra un'autrice che vale la pena conoscere <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sonia! Mi trovi divisa tra Il giardino dei segreti e Una lontana follia; entrambi mi sono piaciuti in modo particolare e per ragioni diverse. E sì, vale assolutamente la pena!

      Elimina
  10. Della Morton anch'io non ho mai letto nulla e forse è giunto il momento di fare la sua conoscenza visto che in molti ne parlano bene. Complimenti per la recensione. Molto interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Laura. Se mai la conoscerai, fammi sapere!

      Elimina
  11. Ok. Ok. Non ho letto niente di quest'autrice. Non farmi del male!
    Comunque adesso mi hai incuriosita!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrei farlo, effettivamente. Ma sono buona, in fondo.. Quindi, corri in libreria. Su!

      Elimina
  12. La Morton per me è una garanzia. Anche se ammetto che l'ultimo suo romanzo non è stato all'altezza dei precedenti! Me ne rimane uno solo da leggere, che preservo con cura, per i momenti di crisi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Garanzia, esattamente! Ora però non ho più nullo di suo per salvarmi.. dovrò attendere pazientemente il prossimo libro.

      Elimina
  13. questa è un'autrice di cui sento parlare spesso. Ho provato a leggerla, proprio con questo libro, ma non è fa per me. Mi è piaciuta però molto la tua recensione e sono contenta della tua partecipazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace che non ti sia piaciuto :(
      Ma grazie per il commento Ropolo!

      Elimina
  14. Ho letto pochi libri di questa autrice ma tutti sono stati più che apprezzati. Questo mi manca. Che dici devo rimediare?

    RispondiElimina
  15. Finora ho letto solo un libro della Morton e l'ho adorato. Conto di riuscire a recuperarne altri... tempo permettendo.

    RispondiElimina
  16. Pensa che io ho una copia de Il giardino dei segreti con tanto di dedica della Dea, da lei regalatomi agli albori della nostra conoscenza, dove scrive che si augura che la nostra sarà una lunga amicizia. Chissà perché ora mi suona più come una minaccia...mah!
    Bacci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahah potrebbe sembrare, ma essendo il libro che la Dea preferisce della Morton direi che puoi prenderla in positivo, dai XD

      Elimina
  17. è una delle mie autrici preferite! ti suggerisco se non lo hai già letto Il giardino dei segreti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mara! Questo era l'unico che mi mancava di leggere. Ho adorato Il giardino dei segreti.

      Elimina
  18. Ho letto un paio di libri di questa autrice e mi sono piaciuti molto. L'ambientazione delle sue storie è quello che apprezzo maggiormente e anche la grande bravura nelle ricostruzioni storiche. Questo libro mi manca, ci farò un pensierino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono gli stessi elementi che mi hanno colpita fin dal primo libro letto della Morton e lei è stata bravissima a tenere fede al suo stile in tutti i suoi romanzi. Non mi ha mai deluso. E non vedo l'ora di leggere ancora qualcosa di suo..

      Elimina
  19. Ok, lo ammetto, questo libro avevo provato a iniziarlo l'anno scorso... ecco, l'ho lasciato dopo una trentina di pagine >.< penso sia un mio problema con la Morton, non fa proprio per me :c peccato, perché ne sento parlare quasi sempre molto bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un genere, come ce ne sono tanti altri.. per nostra fortuna! Amando la storia - soprattutto quella in cui la Morton preferisce ambientare i suoi romanzi - e preferendo storie d'amore non basiche, ma legate ad un intreccio narrativo in grado di svelarsi solo nelle ultime pagine.. in sostanza, è il genere che fa per me! Ma capisco - e comprendo naturalmente - che non possa piacere ad altre persone. È naturale ;)

      Elimina
  20. Adoro questa autrice e voglio assolutamente recuperare questo libro!

    RispondiElimina
  21. Della Morton ho letto "I segreti della casa sul lago" e mi ha conquistata. A parte il finale deludente, per il resto mi è piaciuto molto. Soprattutto lo sviluppo della storia, sempre avvincente, e le ambientazioni.
    Vorrei leggere presto anche questo!

    RispondiElimina

Leggere in Silenzio vive attraverso i vostri commenti, quindi lasciate un segno del vostro passaggio! Grazie per il vostro sostegno, Lettori.

Powered by Blogger.
Back to Top