Recensioni

Recensioni
Recensioni A-Z

In Libreria

In Libreria
IN LIBRERIA

Ciak Si Gira

Ciak Si Gira
CIAK, SI GIRA

READING JOURNAL MAR. '20


Ho aperto questo mese di Marzo esattamente come avevo chiuso il precedente: cancellazioni, annullamenti, rimborsi. Non so se ve lo avevo mai detto in questa sede, lavoro in un'agenzia di viaggi da quasi due anni e queste ultime settimane si sono trasformate in un autentico inferno. Una situazione al limite del surreale, tra l'altro. Perché se sei abituata a prendere anche due telefonate allo stesso momento - assumendo posizioni umanamente non concepibili - ritrovarsi il telefono ostinatamente muto per tutta la giornata, potete credermi, non è un buon segno.

È chiaro che stiamo vivendo un momento di assoluta incertezza. Siamo letteralmente tagliati fuori dal mondo: paesi che non ci vogliono, altri che ci guardano come appestati, altri ancora che non sanno più cosa fare per salvaguardare i propri interessi. E poi i furbetti che lasciano a noi il compito di fare test su test (che si sommano ad ulteriori test), preferendo guardare dalla finestra senza fare i conti con le loro responsabilità. Ok, sfogo finito. Parliamo di libri.



Alla faccia del coronavirus e di chi ci vuole male, questo febbraio di letture è stato un autentico successo. A cavallo con il mese di gennaio, ho affrontato la mia consueta lettura a tema shoah con Sono stato un numero di Roberto Riccardi che mi ha lasciato addosso non soltanto il naturale dolore e quella rabbia che ti stringe il petto, ma anche una sensazione di forte speranza che non mi aspettavo. Grazie a Mondadori Ragazzi, invece, ho avuto modo di conoscere un classico horror che non conoscevo e Quando Helen verrà a prenderti è davvero una piccola chicca del genere adatta ad ogni età. In ritardo di molti mesi, con quel pizzico di discreta ansia che mi contraddistingue ho scoperto il talento pungente di Michela Monti con il suo 83500, primo libro di una serie di cui continuerò a parlarvi tra queste pagine. E, infine, ho chiuso il mese con una lettura diversa dal solito. Quel genere di lettura che sa strapparti una risata e farti riflettere e grazie a Lorenzo Marone (Inventario di un cuore in allarme) non solo ho fatto pace con le mie fobie - poche per mia discreta fortuna - ma sono riuscita anche a dare un nome ad una mia particolare fissazione. 


In compagnia di una delle mie tante tazze personalizzate - anche se questa ha un significato molto speciale - sono pronte, scattanti e fotografate le tre corpose letture che mi faranno compagnia. Ho deciso ancora una volta di dare spazio a romanzi che sto rimandando da troppo tempo e che di prendere la polvere si sarebbero anche un po' rotti le pagine. Humor molto britannico a parte, trovate in alto Mindhunter di John Douglas che ho stalkerizzato per mesi e mesi dopo aver divorato l'omonima serie tv. Quindi, miei cari serial killers a stelle e strisce, l'attesa è finita! E poi il mio attuale dilemma (certamente non aiutato dai miei cari followers di instagram): cosa leggere tra Io Uccido di Faletti e Sei di corvi della Bardugo?

Io ho una mezza idea, ora vorrei proprio sentire la vostra! 

2 commenti

Leggere in Silenzio vive attraverso i vostri commenti, quindi lasciate un segno del vostro passaggio! Grazie per il vostro sostegno, Lettori.

Powered by Blogger.
Back to Top