Recensioni

Recensioni
Recensioni A-Z

In Libreria

In Libreria
IN LIBRERIA

Ciak Si Gira

Ciak Si Gira
CIAK SI GIRA

[ RECENSIONE ] La ricetta segreta per un sogno di Valentina Cebeni

LA RICETTA PER UN SOGNO di Valentina Cebeni
Prezzo: 16.90€ | Pagine: 345

Il primo profumo che Elettra ricorda è quello del pane appena sfornato e dei biscotti speziati. Nella panetteria in cui è cresciuta ha imparato da sua madre che il cibo è il modo più semplice per raggiungere il cuore delle persone. Ma adesso che lei non può più occuparsi del negozio e ha lasciato tutto nelle mani di Elettra, i suoi dolci non hanno più questo potere. E tutte quelle domande rimaste in sospeso tra loro non hanno una risposta. Domande su un passato che la donna non ha rivelato a nessuno, nemmeno a lei, sua figlia. Elettra, persa e smarrita, sente di non avere altra scelta: deve fare luce su quei silenzi. Eppure in mano non ha altro che una medaglietta con inciso il nome di un’isola misteriosa, e una ricetta: quella dei pani all’anice che sua madre cucinava per sconfiggere la malinconia e tornare a sorridere. Proprio quei dolci le danno la forza per affrontare il viaggio verso l’isola del Titano, un pezzo di terra sperduto nel Mediterraneo la cui storia si perde in mille leggende. Se su un versante la vita scorre abitudinaria, sull’altro solo cortei di donne vestite di nero solcano stradine polverose che portano al mare. Un luogo in cui ogni angolo nasconde un segreto, una verità solo accennata. Un luogo in cui risuona l’eco di amori proibiti e amicizie perdute.
La forza delle donne -  protagoniste vicine e lontano di questo romanzo - rappresenta senza alcun dubbio il motore inarrestabile dell'intera narrazione. Lo stile narrativo adottato da Valentina Cebeni si presenta fin dalle prima righe sofisticato e ricercato, senza mai risultare inverosimilmente costruito ed artificiale. Ed è proprio questa sua scelta ad aver fatto centro. Attraverso frasi che sembrano quasi cullate dalle onde del mare, la scrittrice è andata a sfiorare esattamente le corde più sensibili, arrivando a far vibrare con forza e leggerezza quella piccola parte di me che troppo spesso tendo a soffocare.

La ricetta segreta per un sogno è un viaggio che si dischiude verso una necessaria ed ostinata ricerca delle proprie origini. Ora che sua made, gravemente malata, è costretta in un letto d'ospedale e la sua vita sta per sgretolarsi da un momento all'altro. Elettra decide di seguire il suo istinto e i pochi indizi che il destino ha deciso di porre sul suo incerto cammino, partendo per la sconosciuta e misteriosa Isola Del Titano, nn luogo impervio e fuori dal tempo.

Un viaggio che Elettra non percorrerà da sola. Accanto a lei - nella realizzazione di un cromatico quadro corale - si presenteranno diverse figure femminili capaci di risaltare naturalmente per la loro forza, per il loro carattere vivo ed orgoglioso, per il loro forte e caratteristico passato, per scelte ed azioni che impareremo a comprendere ed apprezzare, ma soprattutto per il forte senso di appartenenza ad un vincolo di amore, rispetto e reciproca difesa che verrà costantemente messo alla prova. Filo conduttore di tutta la narrazione è senza ombra di dubbio l'amore viscerale per la cucina e per quei sapori che prendono letteralmente vita tra le mani di Edda ed Elettra. Una passione autentica che accomuna madre e figlia ed una scoperta che permetterà finalmente di distruggere ogni barriera costruita ed ogni distanza che per troppi anni hanno impedito quel tanto atteso e ricercato abbraccio sincero. Il talento e lo stile linguistico di Valentina Cebeni rappresenta poi quell'immancabile ciliegina sulla torta capace di esaltare il sapore di una narrazione che diventa viva e reale.

4 commenti

  1. Ho letto anche io questo romanzo con molto sentimento. Non conoscevo Valentina Cebeni, per questo motivo la felicità è stata doppia, un bel libro di una brava autrice che seguirò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me è stata una piacevolissima scoperta.. :)

      Elimina
  2. Bellissima ed intensa questa recensione, Cristina. E' piuttosto chiaro che devi aver amato molto questo libro. Devo dire che anch'io, un po' come te, avevo un po' di remore, nonostante le opinioni positive che ho avuto modo di leggere. Ma a questo punto ... sono ben disposta a correre il rischio!

    RispondiElimina

Powered by Blogger.
Back to Top