Recensioni

Recensioni
Recensioni A-Z

Consigli di lettura

Consigli di lettura
IN LIBRERIA

Blogtour

Blogtour
Blogtour & Review Party

[ RECENSIONE ] La Coppia Perfetta di B. A. Paris | Casa Editrice Nord


LA COPPIA PERFETTA di B. A. Paris
Prezzo: | Pagine:
Sembra un tranquillo pomeriggio come tanti altri da trascorrere in compagnia dell'adorata sorella Millie, quando gli occhi curiosi di Grace incrociano lo sguardo cupo e profondo di Jack Angel, avvocato di successo e uomo di un fascino irresistibile. Saranno proprio quei pochi secondi e i gesti calcolati che ne seguiranno a condannare l'ignara ed ingenua Grace ad una vita che mai avrebbe potuto immaginare, neanche nei suoi incubi peggiori.

Il ritmo narrativo che subito si palesa evidente risulta essere particolarmente lento e freddo, privo di quella tensione narrativa che ci si aspetterrebbe da un romanzo del genere in questione. In realtà, ci troviamo di fronte ad una storia che racchiude alcuni elementi in grado di suscitare curiosità e vivo interesse, ma la mancanza di effettivi colpi di scena lascia il lettore con il più classico amaro in bocca. In La coppia perfetta, B.A. Paris fa chiaramente l'occhiolino al thriller psicologico prendendo alcuni spunti che rappresentano un classico del genere, ma riuscendo solo a sfiorare quelle sensazioni di crescente inquietudine che dovrebbero far da padrone in questi casi. Nello specifico, l'inquietudine richiamata in modo perentorio dalla stessa autrice e in più occasioni si limita - a conti fatti - ad un'inevitabile sensazione di disgusto che, se da un lato riesce a catturare il lettore in una morsa a primo impatto soddisfacente, dall'altro finisce con l'abbandonare la presa, di punto in bianco, senza la giusta dose di pathos ed emozione.  Ma non tutto è perduto...

[ RECENSIONE ] So che un giorno tornerai di Luca Bianchini | Mondadori


SO CHE UN GIORNO TORNERA di Luca Bianchini
Prezzo: 18.00€ | Pagine: 264

Angela non ha ancora vent'anni quando diventa madre, una mattina a Trieste alla fine degli anni Sessanta. Pasquale, il suo grande amore, è un “jeansinaro” calabrese, un mercante di jeans, affascinante e già sposato. Lui le ha fatto una promessa: “Se sarà maschio, lo riconoscerò”. Angela fa tutti gli scongiuri del caso ma nasce una femmina: Emma. Pasquale fugge immediatamente dalle sue responsabilità, lasciando Angela crescere la bambina da sola insieme alla sua famiglia numerosa e sgangherata. I Pipan sono capitanati da un nonno che rimpiange il dominio austriaco, una nonna che prepara le zuppe e quattro zii: uno serio, un playboy e due gemelli diversi che si alternano a fare da baby sitter a Emma. Lei sarà la figlia di tutti e di nessuno e crescerà così, libera e anticonformista, come la Trieste in cui vive, in quella terra di confine tra cielo e mare, Italia e Jugoslavia. Fino al giorno in cui deciderà di mettersi sulle tracce di suo padre, e per lui questa sarà l’occasione per rivedere Angela, che non ha mai dimenticato.
Qui si apre ufficialmente il nostro nuovo anno insieme che dall'archiviato 2018 vuol portare con sè qualche bella novità, immancabili buoni propositi e corpose letture da condividere, partendo proprio dall'ultimo romanzo di Luca Bianchini, So che un giorno tornerai

A chi si complica la vita. 
A chi continua a farlo per quell'amore impossibile che sa solo far male.
A chi ama a prescindere. A chi lotta, senza arrendersi mai. 
A chi ha fatto scelte sbagliate. A chi continua a farle, sperando. 

[ RECENSIONE ] Il Gioco del Suggeritore di Donato Carrisi | Longanesi


IL GIOCO DEL SUGGERITORE di Donato Carrisi
Prezzo: 22.00€ | Pagine: 398

La chiamata al numero della polizia arriva verso sera da una fattoria isolata, a una quindicina di chilometri dalla città. A chiedere aiuto è la voce di una donna, spaventata. Ma sulla zona imperversa un violento temporale, e la prima pattuglia disponibile riesce a giungere soltanto ore dopo. Troppo tardi. Qualcosa di sconvolgente è successo, qualcosa che lascia gli investigatori senza alcuna risposta possibile - soltanto un enigma. C'è un'unica persona in grado di svelare il messaggio celato dentro al male, ma quella persona non è più una poliziotta. Ha lasciato il suo lavoro di cacciatrice di persone scomparse e si è ritirata a vivere un'esistenza isolata in riva a un lago, con la sola compagnia della figlia Alice. Tuttavia, quando viene chiamata direttamente in causa Mila Vasquez non può sottrarsi. Perché questa indagine la riguarda da vicino. Più di quanto lei stessa creda. Ed è così che comincia a prendere forma un disegno oscuro, fatto di incubi abilmente celati e di sfide continue. Il male cambia nome, cambia aspetto, si nasconde nelle pieghe fra il mondo reale e quello virtuale in cui ormai tutti trascorriamo gran parte della nostra vita, lasciando tracce digitali impossibili da cancellare. È un gioco, ed è soltanto iniziato. 
Ammettiamolo, il mio 2018 non è andato proprio come mi sarei aspettata (almeno da un punto di vista strettamente letterario). Mi ero prefissata un obbietivo che, purtroppo, non sono riuscita nemmeno a scorgere da lontano, eppure è stato un anno caratterizzato da una piacevole costante (a me molto cara ed imprescindibile ) che risponde al nome di Donato Carrisi. Ebbene sì, iniziato l'anno insieme alla recensione di L'uomo del labirinto ora mi trovo a concluderlo con il ritorno del personaggio che più ha conquistato il mio cuore di intramontabile lettrice del genere thriller.

Sono passati esattamente dieci anni dalla pubblicazione de Il Suggeritore e Donati Carrisi ci ripropone luoghi e personaggi ben conosciuti, accompagnati da una storia che sinceramente non mi aspettavo, caratterizzata da elementi in buona parte diversi da quelli a cui ci ha sempre deliziati. Elementi questi che, sommati ad un linguaggio struggente e comunicativo, non hanno mai deluso le mie aspettative nè tantomento rovinato un finale degno di questo nome. Ed è proprio a distanza di anni che le strade, un tempo profondamente divise, di Mila Vazquez e del suo passato più doloroso tornano inevitabilmente ad incrociarsi in un gioco mortale e seduttivo che strizza l'occhio ad una realtà che noi stessi viviamo, giorno dopo giorno. E se esistesse un luogo virtuale dove ognuno di noi fosse libero di dare sfogo ai suoi più oscuri impulsi senza subire alcuna conseguenza, quello stesso mondo cibernetico sarebbe in grado di tenere a freno tutto il male del mondo? O sarebbe altrimenti destinato al più cieco oblio?

[ RECENSIONE ] Legend #2 di Stephanie Garber | Rizzoli


LEGEND di Stephanie Garber
Prezzo: 18.00€| Pagine: 476

Dopo la travolgente avventura nel mondo magico e misterioso del Caraval, Donatella Dragna è riuscita finalmente a sfuggire al padre e a salvare la sorella Rossella da un disastroso matrimonio combinato. Ma Tella non è ancora libera; per ritrovare la madre Paloma ha stretto un patto disperato con un criminale misterioso, che vuole in cambio qualcosa che solo lei può dargli: il vero nome di Legend, il Mastro di Caraval. L'unica possibilità per scoprire il vero nome di Legend è vincere il nuovo Caraval, che si terrà a Valenda, l'antica capitale dove una volta regnavano i Fati, in occasione del genetliaco di Elantine, la sovrana dell'Impero di Mezzo. Tella dovrà quindi immergersi di nuovo nella competizione magica, tra le attenzioni di un inquietante erede al trono, una storia d'amore impossibile e una ragnatela di segreti, tra cui anche quelli di Rossella. Se fallirà non potrà mantenere il suo patto e rischierà di perdere tutto, compresa forse la vita. Ma se vincerà, Legend e il Caraval saranno distrutti per sempre.
Ho deciso di leggere Legend di Stephanie Garber senza alcuna esitazione, partendo proprio dalle sensazioni molto positive rimaste in sospeso dopo aver voltato l'ultima pagina del precedente capitolo. Lasciamo Caraval e ci spostiamo nell'antica capitale di Valenda, città ricca di leggenda e mistero fin dai tempi nefasti e remoti in cui vi regnavano - nell'espressione massima del loro potere - i temuti Fati. Ed è proprio qui che Legend, in occasione del genetliaco di Elantine, ha deciso di muovere le sue pedine!

[ RECENSIONE ] I Medici - Un Uomo al Potere di Matteo Strukul | Newton Compton Editori


I MEDICI - UN UOMO AL POTERE di Matteo Strukul
Prezzo: 9.90€ | Pagine: 384

Firenze, 1469. Lorenzo de’ Medici sta vincendo il torneo in onore della sua sposa, Clarice Orsini, appena giunta a Firenze per le nozze con l’uomo che diventerà il Magnifico. Questo matrimonio non è un passo facile per Lorenzo: il suo cuore – ne è convinto – appartiene e sempre apparterrà a Lucrezia Donati, donna di straordinaria bellezza e fascino. Eppure asseconderà il volere della madre e rafforzerà l’alleanza con una potente famiglia romana. Chiamato a governare la città e ad accettare i costi e i compromessi della politica, diviso fra amore e potere, Lorenzo sottovaluta i formidabili avversari che stanno tramando contro di lui per strappargli la guida di Firenze. Girolamo Riario, nipote di papa Sisto IV, dopo aver sobillato Jacopo e Francesco dei Pazzi, storici nemici della famiglia de’ Medici, e stretto alleanza con Francesco Salviati, arcivescovo di Pisa, concepisce una congiura il cui esito per Lorenzo sarà terribile: il fratello Giuliano verrà brutalmente ucciso davanti ai suoi occhi. E da quel momento si aprirà un periodo di violenza e vendetta da cui in pochi si salveranno..
Dopo aver avuto il piacere di presentare Matteo Strukul sul palco del Premio Bancarella, mia madre ha preso particolarmente a cuore questa esperienza portando nella mia libreria, uno dopo l'altro, tutti i romanzi che compongono la saga de I Medici. E, complice la visione dell'ultima puntata dell'omonima serie tv e la rubrica Questa volta leggo a tinte storiche, la mia curiosità ha fatto il resto! 

In questo romanzo, Un uomo al potere - raccontando una parte essenziale della storia medicea che cambiò per sempre il volto di Firenze e dell'Italia - Matteo Strukul pone sotto i riflettori due figure maschili capaci di racchiudere splendore e contraddizione. Da una parte, Lorenzo de Medici ci viene presentato sotto una luce parzialmente diversa rispetto a quella che avremmo potuto immaginare. Siamo ancora, infatti, all'alba del magnifico e, attraverso le molte sfumature che Strukul riesce a catturare, conosciamo lati della sua personalità raramente affrontati e, forse proprio per questo, più affascinanti: fragile e passionale, ingenuo e combattuto
Dall'altra, invece, troviamo la controversa figura di Leonardo da Vinci
Non vi nascondo che l'alone di mistero che da sempre aleggia attorno al suo genio incontrastato mi ha sempre colpito ed affascinato per varie ragioni, artistiche, scientifiche e morali. Matteo Strukul riesce a trasmettere questo aspetto del Da Vinci - seppur ancora agli albori della sua futura grandezza - raccontandoci di un uomo ispirato e geniale, portatore di valori immutabili e, in modo particolare, di una forte (tormentata) amicizia con Lorenzo che segnerà nel bene e nel male tutta la sua vita!


In Un uomo al potere ci troviamo dinanzi ad un romanzo essenzialmente completo: assistiamo, infatti, alla passione impossibile tra Lorenzo e Lucrezia Donati, alla fragilità dell'uomo al potere fino all'abbandono completo verso un dolore improvviso che il giovane signore di Firenze dovrà affrontare nel modo peggiore e dilaniante. La congiura dei Pazzi ci viene raccontata da Strukul in modo coerente e fortemente vivido, spinta da uno stile linguistico storicamente moderno in grado di coinvolgere ed affascinare in prima persona. Ed è proprio questo stile a conferire un appeal moderno e frizzante a vicende e personaggi che, in modo più o meno superficiale, noi tutti conosciamo. Un fascino particolare che, per quanto mi riguarda, risiede nella passione che Strukul è in grado di trasmettere al suo lettore in modo inequivocabile, insieme all'estemporaneo talento di saper unire verità storica a finzione, così creando una tela complessa e ricca di credibili sfaccettature. Laura Ricci ne è l'esempio lampante (lei sì che sa come lasciare il segno!). Il suo peculiare approccio nel raccontare la nostra storia risulta essere ancora una volta moderno e coerente, rispettoso nei modi e assolutamente vincente. 

ERA UN MEDICI. NON AVREBBE MAI TRADITO LE SUE ORIGINI.

[ RECENSIONE ] La Donna del Ritratto di Kate Morton | Sperling&Kupfer


LA DONNA DEL RITRATTO di Kate Morton 
 Prezzo: 19.90€ | Pagine: 492

Nell'estate del 1862, un gruppo di giovani artisti si riunisce a Birchwood Manor, una grande casa nella campagna dell'Oxfordshire, quasi protetta dentro un'ansa del Tamigi. A guidare il gruppo è Edward Radcliffe, il più appassionato e promettente di loro, un ragazzo di vent'anni, che non conosce limiti. A lui è venuta l'idea di immergersi nella natura per i successivi trenta giorni, lontano dai condizionamenti di Londra e dalla sua formalissima society, per dare libero sfogo alla creatività. E invece, alla fine di quel mese, la tragedia ha stravolto le loro esistenze: una donna è stata uccisa, un'altra è sparita nel nulla e un prezioso gioiello è scomparso. Più di centocinquanta anni dopo, Elodie Winslow, una giovane archivista di Londra, scopre per caso una borsa di cuoio nella quale si trovano due oggetti che la colpiscono profondamente: la fotografia sbiadita di una bellissima giovane donna in abiti vittoriani e l'album da disegno di un artista. Nel quale spicca lo schizzo di una grande casa protetta dall'ansa di un fiume, che a Elodie pare stranamente famigliare. Quali segreti nasconde Birchwood Manor? Chi è la ragazza? 
Dopo aver letto Ritorno a Riverton Manor aspettavo La donna del ritratto ubriaca in senso figurato di aspettative. Perchè quando una delle tue scrittrici preferite torna in libreria con un nuovo e atteso romanzo come puoi non partire in quinta? Purtroppo la brusca frenata è stata molto, molto dolorosa!

[ RECENSIONE ] Andiamo a vedere il giorno di Sara Rattaro | Sperling


Finalmente posso parlarvi di un romanzo che tenevo in serbo da qualche giorno. Oggi, infatti, Sara Rattaro torna in libreria con Andiamo a vedere il giorno e lo fa in modo meraviglioso! 
Ringrazio la casa editrice Sperling&Kupfer per la copia cartacea in anteprima.

Prezzo: 16.90€ | Pagine: 204
Una figlia, una madre, un viaggio on the road. Una famiglia che sa ritrovarsi. Un gesto di perdono che vale più di mille parole. Alice è stata una figlia modello e una perfetta sorella maggiore, quella che in famiglia cercava di tenere insieme tutti i pezzi mentre il padre stava per abbandonarli, quella che per prima ha trovato il modo di comunicare con il fratellino, nato privo di udito, e di farlo sentire «normale». Ha pensato agli altri prima che a se stessa, ha seguito le regole prima che il cuore e adesso, di fronte a una passione che ha scardinato tutti i suoi schemi e le sue certezze, si ritrova a mentire, tradire, fuggire. Ma sua madre, Sandra, non ha alcuna intenzione di lasciarla sola. Su quel volo per Parigi c'è anche lei, e insieme iniziano un viaggio che è un guardarsi negli occhi e affrontare tutti i non detti, a partire da quel vuoto che ha rischiato di inghiottire la loro famiglia tanti anni prima. Alice si illude che, ritrovando la persona che si era insinuata nelle crepe della loro fragilità, possa dare una risposta a tutti i perché che si porta dentro, magari capire ciò che sta accadendo a lei ora, vendicare il passato e punire se stessa...
Era il 2013 quando acquistai la mia copia di Non volare via e questo piccolo angolo letterario nemmeno esisteva! Ricordo il segno rosso sul calendario e la gioia di stringere tra le mani il nuovo romanzo di una scrittrice che conoscevo da poco, ma che avevo scelto spinta da un istinto che si è rivelato essere assolutamente vincente.

LA VERITÀ È CHE RARAMENTE SAPPIAMO DOVE SIAMO DIRETTI, 
QUASI MAI PREVEDIAMO QUELLO CHE ACCADRÀ, MA A VOLTE CI RITROVIAMO 
FELICI PER QUALCOSA DI INATTESO. È LA VITA.
Powered by Blogger.
Back to Top