Recensioni

Recensioni
Recensioni A-Z

In Libreria

In Libreria
IN LIBRERIA

Ciak Si Gira

Ciak Si Gira
CIAK, SI GIRA

[ RECENSIONE ] LA SCUOLA DEGLI INGREDIENTI SEGRETI di Erica Bauermeister | Garzanti

LA SCUOLA DEGLI INGREDIENTI SEGRETI di Erica Bauermeister
Prezzo: | Pagine:
È lunedì, nel ristorante di Lillian è giorno di chiusura, e come ogni settimana si tengono le lezioni del corso di cucina. Circondata dagli allievi, Lillian muove delicatamente le mani, sta per aggiungere l'ultimo tocco, l'ingrediente segreto, e poi la torta sarà pronta. Nessuno meglio di Lillian conosce la magia degli ingredienti, nessuno meglio di lei sa che a volte basta una tazza di cioccolata per cambiare un po' la vita. Era solo una bambina quando, grazie a una misteriosa ricetta donatale da Abuelita, la donna della bottega delle spezie, ha salvato sua madre. Sono passati anni da allora, anni in cui ha combattuto, ha sofferto, si è ribellata, a volte ha perso ogni certezza, tranne una: la fiducia nella magica alchimia del cibo. È per questo che il suo ristorante è un luogo speciale, dove si ritrovano ricordi perduti, si stringono promesse d'amore o nasce un'amicizia. Lo sanno bene gli allievi del corso di cucina, tutti alla ricerca dell'ingrediente segreto che ancora manca alla loro vita. Come Claire, giovane madre insicura, o Tom, che ha appena perso la moglie; Chloe, ragazza maldestra e vitale; Isabelle, che non ricorda nulla tranne le ricette. Per tutti loro Lillian ha la soluzione: sa che le tortillas restituiscono il gusto piccante dell'avventura, che una soffice glassa può far dimenticare un tradimento e che un ragù schiude le porte di un nuovo amore. Quello che non sa è la ricetta giusta per lei. Potrà trovarla solo se accetterà di mettersi alla prova, almeno una volta.
Dopo aver subito l'inaspettata delusione di L'Istituto (recensione) come un pugno sferrato alla bocca dello stomaco (forse un attimo melodrammatica) sentivo di aver bisogno di qualcosa che fosse in grado di farmi staccare la spina. Insomma, una lettura semplice e lineare, senza troppo pensieri. 
Ecco, magari non così tanto!

[ RECENSIONE ] L'ISTITUTO di Stephen King | Sperling

L'ISTITUTO di Stephen King
Pagine: 565 | Prezzo: 21.90€

È notte fonda a Minneapolis, quando un misterioso gruppo di persone si introduce in casa di Luke Ellis, uccide i suoi genitori e lo porta via in un SUV nero. Bastano due minuti, sprofondati nel silenzio irreale di una tranquilla strada di periferia, per sconvolgere la vita di Luke, per sempre. Quando si sveglia, il ragazzo si trova in una camera del tutto simile alla sua, ma senza finestre, nel famigerato Istituto dove sono rinchiusi altri bambini come lui. Dietro porte tutte uguali, lungo corridoi illuminati da luci spettrali, si trovano piccoli geni con poteri speciali - telepatia, telecinesi. Appena arrivati, sono destinati alla Prima Casa, dove Luke trova infatti i compagni Kalisha, Nick, George, Iris e Avery Dixon, che ha solo dieci anni. Poi, qualcuno finisce nella Seconda Casa. «È come il motel di un film dell'orrore», dice Kalisha. «Chi prende una stanza non ne esce più.» Sono le regole della feroce signora Sigsby, direttrice dell'Istituto, convinta di poter estrarre i loro doni: con qualunque mezzo, a qualunque costo. Chi non si adegua subisce punizioni implacabili. E così, uno alla volta, i compagni di Luke spariscono, mentre lui cerca disperatamente una via d'uscita. Solo che nessuno, finora, è mai riuscito a evadere dall'Istituto.
King travolge il lettore con una storia di bambini che trionfano sul male come non ne scriveva dai tempi di IT. Entrando nella mente dei suoi giovani personaggi, crea un senso di minaccia e di intimità magici. Non c'è una parola di troppo in questo romanzo perfetto,  che dimostra ancora una volta perchè King è il Re. (Publishers Weekly)

Quante volte ci siamo lasciati coinvolgere dalle parole riportate sul retro copertina di un romanzo? Troppe, forse. E ancora una volta quelle stesse frasi virgolettate hanno spinto le mie aspettative decisamente molto in alto e cadere da lassù fa davvero male, fidatevi di me!

Non posso negare che L'Istituto abbia una trama potenzialmente intrigante, costruita attorno ad elementi che sarebbero di per sè in grado di catturare l'attenzione del lettore, di giocare con temi incredibilmente attuali e muovere le pedine sul piano di una scacchiera in continua evoluzione. Sarebbero, appunto. Ed il condizionale, in questo caso, fa la differenza tra un bel romanzo e tutto ciò che è mancato! Ancora oggi, a distanza di quasi quarantotto ore dal termine della sua lettura, mi ritrovo a fissare L'Istituto senza comprendere  come tutto questo sia stato possibile, senza davvero capire che fine abbia fatto lo scrittore che tanto ho amato nei suoi precedenti romanzi e che in questo sembra essere solo una sua confusa proiezione.

IN LIBRERIA #2


Ci sono momenti in cui ti fermi e pensi "Basta, non lo faccio più!" o altri in cui ti guardi allo specchio e ti dici "Ora ci diamo un freno". Poi (fortunatamente) ci sono quei meravigliosi attimi di gioia condivisa dove gli occhi si riempiono di date, di copertine, di trame e nuove uscite che tornano a popolare la tua chilometrica wishlist. Ma vogliamo forse fare un dispetto a queste meraviglie?
Sarebbe molto maleducato e profondamente irrispettose, quindi... 

IL CLUB DEI LETTORI ASSASSINI di Carlos Garcìa Miranda (DeA)
Prezzo: 17.00€  | Pagine: 368
Angela è una giovane matricola dell’università di Madrid, timida, studiosa e con il naso sempre infilato tra le pagine di un romanzo. L’unico genere che non ama è l’horror, ma si sforza di vincere la paura quando il suo amico Sebas le chiede di leggere It per il neonato Club di lettura su Stephen King. È solo finzione, si dice Angela; sono cose che non possono accadere davvero. Ma non sa quanto si sbaglia. Perché quando la macabra morte di un professore sconvolge l’università, Angela e i suoi amici si rendono conto che c’è un assassino vicino a loro. O forse tra loro. Un assassino che si ispira a tutto il terrore raccontato da Stephen King, e che torna a colpire ancora e ancora. Senza potersi fidare di nessuno, Angela si trova prigioniera del più spaventoso racconto dell’orrore: quello che non puoi smettere di leggere. Puoi solo scegliere se essere la prossima vittima, o diventare il carnefice. Con un colpo di scena dopo l’altro, Il club dei lettori assassini è un omaggio appassionante e mozzafiato al re dell’horror, e a quello che ci insegna nei suoi capolavori: non si può scappare da ciò che ci fa più paura.

COMPANY PARADE di Margaret Storm Jameson (Fazi)
Prezzo: 18.00€ | Pagine: 405
Nel 1918, all’indomani dell’armistizio che pone fine alla grande guerra, la giovane Hervey Russell racchiude tutta la sua vita in un baule e dallo Yorkshire si trasferisce a Londra, lasciandosi alle spalle il marito e il figlio piccolo. Non ha denaro né esperienza, ma ha la forza di volontà della nonna imprenditrice e i sogni della gioventù; è forte e vulnerabile al tempo stesso, a muoverla sono la voglia di affermarsi e il desiderio di assicurare al figlio un futuro migliore. Mentre tenta di sfondare come scrittrice, di giorno lavora in un’agenzia pubblicitaria e la sera vaga per le strade della città, sola ma libera, lasciandosi deliziare da ogni particolare. Nemmeno la sofferenza al pensiero del figlio lontano riesce a oscurare l’euforia della novità e la consapevolezza di chi sta facendo la cosa giusta per sé. Hervey è una donna in un mondo di uomini: il capo David Renn, veterano solitario e disilluso; i due amici storici, ex soldati che hanno in mente di dare vita a un nuovo giornale; e poi scrittori presuntuosi, intellettuali salottieri e spregiudicati uomini d’affari. Anche il marito, ogni tanto, torna a fare capolino, mentre l’amante vuole portarla con sé in America.

READING JOURNAL #2

reαdιɴɢ joυrɴαl
Avete presente quel momento quasi magico dei buoni propositi (no, non sto parlando della dieta!), delle liste da compilare (e sarebbe carino depennare) e delle mie cose da organizzare (qui nemmeno ci provo a scrivere qualcosa tra parentesi)? Per la stragrande maggioranza delle bookblogger (quelle serie e volenterose) questo periodo coincide con i primi giorni di settembre. E la sottoscritta? Da sempre fedele alla mia prodigiosa e ritardataria tempistica: IT'S OCTOBER, BITCHES!

nυovι arrιvι dι ѕeттeмвre

[ CIAK SI GIRA ] MINDHUNTER - Nella mente del serial killer | Netflix


Siamo alla fine degli anni settanta quando due agenti speciali dell' FBI (Holden Ford e Bill Tench) decidono di dare nuovo impulso alla criminologia americana spingendosi verso un particolare tipo di studio che avrebbe segnato un chiaro punto di svolta. Assistiti dalla Dott.ssa Carr, inizieranno a muovere i primi passi verso una nuova figura investigativa che diventerà negli anni imprescindibile, quella del profiler. Quale sarà il loro compito? Intervistare in modo diretto e senza barriere quelli che oggi possiamo chiamare serial killer (termine coniata proprio dall'unità di scienze comportamentali) per andare a scoprire la più profonda, intima e raggelante psicologia dietro i peggiori crimini violenti della storia americana contemporanea. Troveremo personaggi come Edmund Kemper, Montie Rissel, Dennis Rader e Richard Speck nella prima stagione fino ad arrivare al serial killer più atipico (non avendo nel concreto ucciso nessuno, ma mandante di due famosi eccidi americani) nella seconda stagione, Charles Manson

 

[ RECENSIONE ] IL MANOSCRITTO di Franck Thilliez | Fazi Editore

 IL MANOSCRITTO di Franck Thilliez
Prezzo: 18.00€ | Pagine: 480

Léane Morgan è considerata la regina del thriller, ma firma i suoi libri con uno pseudonimo per preservare la propria vita privata, che ha subito un profondo sconvolgimento: sua figlia Sarah è stata rapita quattro anni prima e la polizia ha archiviato il caso come omicidio a opera di un noto serial killer, pur non essendo mai stato ritrovato il corpo della ragazza. Dopo la tragedia, del suo matrimonio con Jullian non è rimasto che un luogo, la solitaria villa sul mare nel Nord della Francia che Léane ha ormai abbandonato da tempo; ma quando il marito viene brutalmente aggredito subendo una perdita di memoria, lei si vede costretta a tornare in quella casa, carica di ricordi dolorosi e, adesso, di inquietanti interrogativi: cosa aveva scoperto Jullian, perso dietro alla ricerca ossessiva della verità sulla scomparsa della figlia? Intanto, nei dintorni di Grenoble, viene ritrovato un cadavere senza volto nel bagagliaio di una macchina rubata: potrebbe forse trattarsi di un’altra vittima del presunto assassino di Sarah. Le intuizioni del poliziotto Vic, dotato di una memoria prodigiosa, permetteranno di incastrare alcuni tasselli del puzzle, ma altri spaventosi elementi arriveranno a confondere ogni ipotesi su una verità che diventa sempre più distante, frammentaria e, inevitabilmente, terribile.
Immaginate questa scena: la sottoscritta in preda ad una lettura ossessiva delle ultime pagine di Il Manoscritto di Franck Thilliez, poi l'incrocio imprevisto di tre parole capaci di stravolgere ogni superba supposizione ed ora quello stesso romanzo che inizia a prendere il volo fino al centro esatto della camera. Insoddisfazione? Compiacimento? Parole non riproponibili in queste pagine? Giudicate voi!

[ RECENSIONE ] IL GRANDE INVERNO di Kristin Hannah | Mondadori

IL GRANDE INVERNO di Kristin Hannah
Prezzo: 20.00€ | Pagine: 450

Quando Ernt Allbright torna dalla guerra del Vietnam è un uomo profondamente instabile. Dopo aver perso l'ennesimo posto di lavoro, prende una decisione impulsiva: trasferirsi con tutta la famiglia nella selvaggia Alaska, l'ultima frontiera americana, e cominciare una nuova vita. Sua figlia Leni, tredici anni, è nel pieno del tumulto adolescenziale: soffre per i continui litigi dei genitori e spera che questo cambiamento porti a tutti un futuro migliore. Mentre Cora, sua moglie, è pronta a fare qualsiasi cosa per l'uomo che ama, anche se questo vuol dire seguirlo in un'avventura sconosciuta. All'inizio l'Alaska sembra la risposta ai loro bisogni: in un remoto paesino, gli Allbright si uniscono a una comunità di uomini e donne estremamente temprati, fieri di essere autosufficienti in un territorio così ostile. Però quando l'inverno avanza e il buio invade ogni cosa, il fragile stato mentale di Ernt peggiora e il delicato equilibrio della famiglia comincia a vacillare. Ora, i tanto temuti pericoli esterni - il ghiaccio, la mancanza di provviste, gli orsi - sembrano nulla in confronto alle minacce che provengono dall'interno del loro nucleo famigliare. Chiusi in un rifugio angusto, ricoperto di neve e immerso in una notte che può durare fino a diciotto ore, Leni e sua madre devono affrontare una cruda verità: sono sole. In quel luogo feroce, ai confini del mondo, non c'è nessuno che possa salvarle.
Avevo acquistato Il Grande Inverno di Kristin Hannah il giorno successivo alla sua uscita (e oramai si parla di qualche mese fa) memore della lettura entusiasta del suo precedente romanzo, L'Usignolo. 
Con Il Grande Inverno Kristin Hannah non si è semplicemente confermata, ma è riuscita a dare una spinta in più ad un romanzo che, a differenza del suo predecessore, è privo di quel background storico capace di conferire ad un testo (chiaramente scritto bene) uno spessore di per sè naturale, emozionante e coinvolgente. Ancora una volta, parte essenziale della narrazione (e della bellezza autentica di questo romanzo) è rivestita dall'impatto emotivo che avvolge ogni suo personaggio in modi diversi ed opposti, ma egualmente in grado di scuotere il lettore davvero in profondità!
Powered by Blogger.
Back to Top