Recensioni

Recensioni
Recensioni A-Z

In Libreria

In Libreria
IN LIBRERIA

Ciak Si Gira

Ciak Si Gira
CIAK SI GIRA

[ RECENSIONE ] I figli segreti di Hitler di I. Von Oelhafen e T. Tate | Newton Compton

I FIGLI SEGRETI DI HITLER di I Von Oelhafen e T. Tate
Prezzo: 5.99€ | Pagine: 256

A soli 9 mesi, Erika Matko viene sottratta alla sua famiglia in Jugoslavia e trasferita in Germania per essere inserita all’interno di uno degli esperimenti più agghiaccianti condotti dal nazismo: il Lebensborn, un programma che prevedeva la creazione di una nuova razza ariana. La piccola Erika era stata selezionata perché, contrariamente ai suoi fratelli, aveva occhi azzurri e capelli biondi, ed era quindi considerata – secondo gli standard dei nazisti – ariana. La bambina viene affidata a dei genitori adottivi, che la ribattezzano Ingrid von Oelhafen, nascondendole la sua origine. Solo molti anni dopo Erika/Ingrid viene gradualmente a conoscenza della verità. Da quel momento, comincia il calvario per cercare la sua vera famiglia, un doloroso viaggio che passerà attraverso la scoperta delle atrocità commesse dai nazisti in nome del Lebensborn: il rapimento di decine e decine di migliaia di bambini destinati al programma e l’uccisione di molti altri che non rientravano negli standard previsti. Una volta arrivata nel suo paesino d’origine, però, Erika non troverà ancora pace: verrà a sapere che un’altra donna ha utilizzato il suo nome e ha vissuto la sua vita.
Cercare di riportare nero su bianco le mutevoli sensazioni provate leggendo I Figli Segreti di Hitler è tutt'altro che facile: la storia che viene raccontata in queste pagine porta inevitabilmente a mille domande che possono essere riassunte attraverso riportate come dedica e monito all'inizio del libro. Ingrid von Oelhafen  è la protagonista inconsapevole di uno dei più agghiaccianti esperimenti nazisti, taciuto per molto tempo a causa del profondo senso di vergogna che continua, ancora oggi, ad aleggiare attorno al suo nome: il Progetto Lebensborn.
36

[ RECENSIONE ] La ragazza nella nebbia di Donato Carrisi | Longanesi

LA RAGAZZA NELLA NEBBIA di Donato Carrisi
Prezzo: 14.90€ | Pagione: 373

La notte in cui tutto cambia per sempre è una notte di ghiaccio e nebbia ad Avechot, un paese rintanato in una valle profonda fra le ombre delle Alpi. Forse è stata proprio colpa della nebbia se l'auto dell'agente speciale Vogel è finita in un fosso. Un banale incidente. Vogel è illeso, ma sotto shock. Non ricorda perché è lì e come ci è arrivato. Eppure una cosa è certa: l'agente speciale Vogel dovrebbe trovarsi da tutt'altra parte, lontano da Avechot. Infatti, sono ormai passati due mesi da quando una ragazzina del paese è scomparsa nella nebbia.
Incontrare un nuovo scrittore è un po' come nella vita reale quando uno sconosciuto ci viene presentato e ci ritroviamo con un misto di sensazioni contrastanti che vanno dalla umana diffidenza alla più femminile curiosità. Quando ho deciso di leggere La Ragazza Nella Nebbia mi sono approcciata al romanzo come si fa dopo aver dato il via ad una sfrontata scommessa, pronta ad uscirne vittoriosa o altrimenti sconfitta e con quella naturale, piccola paranoia da delusione dietro la pagina che inevitabilmente fa parte di noi spregiudicati lettori. Per quanto mi riguarda - scevra da paragoni con i suoi precedenti lavori - posso assolutamente affermare che scoprire Carrisi è stata una vittoria da ogni singolo punto di vista.

Ha catturato la mia attenzione e la mia vivida curiosità fin dal principio, presentando quell'alternarsi tra passato e presente che rappresenta un mio oltremodo dichiarato punto debole, tale da permettermi di entrare immediatamente in sintonia con l'anima del romanzo. Attraverso le sue pagine, Carrisi traduce nero su bianco una non velata critica a quell'insensato quanto crudele circo mediatico che viene a crearsi intorno ad un crimine; abbracciandone ogni sua piccola ed oscura sfaccettatura, creando un vero e proprio show fatto di interviste pressanti e al limite della decenza, di piccoli giochi di potere e di audience andando contro ad ogni sentimento di umana compassione e generale rispetto.
6

[ RECENSIONE ] Quando all'alba saremo vicini di Kristin Harmel

QUANDO ALL'ALBA SAREMO VICINI di Kristin Harmel
Prezzo: 12.00€ | Pagine: 332

È quasi sera, l'aria è tiepida e le sfavillanti luci della Quarantottesima strada si stanno accendendo una per una. A Kate sembra quasi che stiano indicando il percorso del suo cammino. Non le manca proprio niente per essere di nuovo felice: ama il suo lavoro di musicoterapeuta e, a casa, il suo compagno Dan la sta aspettando per portarla alla grande festa che ha organizzato per festeggiare il loro fidanzamento. Ma anche se non riesce a confessarlo nemmeno a se stessa, Kate non ha ancora superato il dolore che si nasconde nel suo passato. Perché dodici anni prima l'uomo che amava più di tutti al mondo, Patrick, suo marito, se n'era andato, all'improvviso, proprio prima di confidarle un segreto che avrebbe cambiato per sempre la loro vita. Kate non è mai riuscita a scoprire di cosa si trattasse. Eppure adesso, quando tutto sembra lontano, Patrick inizia ad apparirle in sogno. È insieme a una bambina, e stanno cercando di dirle qualcosa. All'inizio Kate crede sia solo un incubo. Ma quando per caso conosce una bambina identica a quella del sogno, capisce di non potere più ignorare il passato. Perché negli occhi di quella ragazzina si nasconde una rivelazione sconvolgente, un segreto lontano, forse lo stesso che Patrick avrebbe voluto rivelarle anni prima. E che forse adesso può far guardare Kate al futuro con occhi nuovi. Occhi pieni di luce e gioia, come quelli che brillano di fronte a una nuova alba.
Bisogna esporsi alla possibilità della ferita, del dolore.
Una vita in cui non si rischia il cuore per le cose che contano davvero,
non è una vita degna di essere vissuta!

L'inizio di questo romanzo si presenta ai suoi lettori come un pugno allo stomaco attraverso un gesto che lascia semplicemente di sasso, senza fiato. La personalità della Harmel viene fuori fin dalle primissime pagine attraverso il suo stile, fluente e scorrevole che permette al lettore di immedesimarsi immediatamente con i suoi personaggi e di ritrovarsi idealmente al centro di una storia tutta da scoprire. Iniziamo a conoscere Kate dodici anni prima nella veste di donna, moglie ed amante di un uomo che il destino avverso decide di strapparle troppo presto con forza e crudeltà in una mattina di settembre come tante altre. Se non fosse per un segreto, appena sussurrato, che la morte di Patrick porterà dietro di sé, nel silenzio e nel dolore di un addio prematuro.
1

[ RECENSIONE ] La gemella silenziosa di S.K. Tremayne | Garzanti

LA GEMELLA SILENZIOSA di S.K. Tremayne
Prezzi: 10.90€| Pagine: 307

Sarah piace il silenzio assoluto della sera che avvolge l'isola di Skye. Le piace muoversi piano nella penombra e accarezzare delicatamente i biondi capelli della sua bambina di sette anni, Kirstie, che si è appena addormentata. Mentre osserva le sue manine che stringono il cuscino, Sarah ripensa a quando quelle mani si stringevano a quelle, identiche, della sorella gemella Lydia. Niente le distingueva: stesse lentiggini, stessi occhi azzurro ghiaccio, stesso sorriso giocoso. Ma, un anno prima, Lydia è morta improvvisamente e ha lasciato un vuoto così grande che ha costretto Sarah e la sua famiglia a fuggire da tutto e da tutti su quell'isola spersa nel mare di Scozia. Lì, tra scogliere impervie e cieli immensi, Sarah sente che lei, la bambina e suo marito Angus potranno forse ritrovare la serenità. Eppure, mentre si avvicina l'inverno, Kirstie è sempre più strana. Diventa silenziosa, riflessiva, improvvisamente interessata a cose che prima non amava. Cos'è successo davvero il giorno in cui una delle gemelle è morta? È possibile che una madre possa non riconoscere sua figlia?
Da figlia unica sono sempre rimasta affascinata dal rapporto quasi simbiotico che lega due fratelli e dalla loro automatica complicità che, in moltissime occasioni, soprattutto durante la mia infanzia, mi ha fatto sentire a disagio ed inevitabilmente esclusa. Una simbiosi che diventa praticamente assoluta e che è facilmente percepibile fin dal primissimo approccio con la sua trama: fredda, dolorosa, diretta e glaciale. Lydia e Kirstie sono l'una l'esatto riflesso dell'altra. Non esiste alcuna differenza fisica che possa distinguerle se non alcune minime peculiarità caratteriali che diventano oggetto di un gioco infantile. Un vero e proprio scambio d'identità che condurrebbe ogni genitore al limite della pazzia e dell'inevitabile imbarazzo. Un gioco che, ben presto, si trasformerà in una auto-distruttiva e cruda realtà, conseguenza di un tragico scherzo del destino e della morte prematura di una delle adorate e perfette figlie dei coniugi Moorcroft. 

Mamma, perché continui a chiamarmi Kirstie? Io sono Lydia. Kirstie è morta, non io.
19

[ RECENSIONE ] Florence Gordon di Brian Morton | Sonzogno

FLORENCE GORDON di Brian Morton
Prezzo: 17.50€ | Pagine: 317

Florence Gordon ha settantacinque anni e vive a Manhattan. Femminista ebrea divorziata, scrittrice scorbutica, attivista testarda e orgogliosa, detesta la maggior parte delle cose che la gente trova piacevoli e ama mettere gli altri in difficoltà. Mentre è alle prese con la sua settima fatica, un libro di memorie, un articolo del New York Times la definisce patrimonio nazionale, catapultandola sotto le luci della ribalta e obbligandola a superare quel filo spinato che aveva eretto intorno a sé. La situazione precipita quando i suoi cari si trasferiscono da Seattle a New York. Il figlio Daniel che ha snobbato le orme letterarie dei genitori per diventare poliziotto. La nuora Janine psicologa, pronta ad avere una relazione con il suo capo e la nipote Emily che sta cercando di capire cosa fare di una problematica storia d'amoreTra i quattro, giorno dopo giorno, si intreccia una commedia irresistibile, all'insegna di una crudele sincerità ma anche di una sorprendente complicità emotiva. 
Leggere questo romanzo è stato un repentino colpo di fulmine ed una sostanziale presa di coscienza.  Chi vi scrive è una femminista convinta e praticante, una persona cinica per buona parte della vita ed un'inguaribile rompipalle nel senso più buon del termine: ora, ditemi voi, come potevo non innamorarmi pazzamente di Florence Gordon? Florence è una donna meravigliosa che ha vissuto la sua vita alle sue condizioni : ribelle, ostinata, testarda ed orgogliosa, scrittrice reale e quanto mai scorbutica, donna difficilmente gestibile, non propriamente amabili, ma proprio per questi motivi assolutamente irresistibile. La sua vita ed indubbiamente quella della sua famiglia vengono stravolte nel momento in cui Florence viene descritta in una recensione entusiasta e brillante, pubblicata nel New York Times, come patrimonio nazionale, esultandone l'indole, la frizzante personalità e l'irriverente quanto viva scrittura. Bene. Nulla da quel momento sarà come prima.
1

[ RECENSIONE ] Io non ti conosco di S.J. Watson | Piemme

IO NON TI CONOSCO di S.J. Watson
Prezzo: 10.90€ | Pagine: 448

Da quando sua sorella Kate è morta, aggredita a Parigi da uno sconosciuto, la vita di Julia Plummer non è più la stessa: la stabilità che si era conquistata è in pericolo e lei sente il richiamo del suo vecchio insidioso nemico, l'alcol. L'unica persona con cui Julia può parlare di Kate è Anna, la coinquilina di Parigi, la persona che forse conosceva Kate meglio di tutti. E' lei a confidarle una cosa che nessuno sa: Kate si divertiva a vivere mille vite. Andava online fingendosi una persona diversa ogni volta, conosceva uomini, li incontrava. Così Julia non resiste alla tentazione e, usando le credenziali della sorella, decide di provarci anche lei e vivere per una volta la vita, almeno quella virtuale, di Kate per capire cosa può esserle successo. E' così che, protetta dal nome falso di Jayne, Julia contatta Lukas, uno degli ultimi amanti di sua sorella. All'inizio lo tratta con sospetto, ma poi, pian piano, tra i due nasce qualcosa che Julia scambia per amore. Finché, quando Lukas comincia a cambiare, Julia sarà costretta a domandarsi se le mani che adesso la toccano, con dolcezza ma anche con violenza, non siano le stesse che hanno fatto del male a sua sorella.
Tralasciando la trama che è stata già ampiamente dimostrata, cosa mi ha colpito del romanzo di Watson? Sebbene la prima parte della narrazione sia intervallata da ricordi e progressivi sbalzi temporali, l'autore spinge sull'acceleratore presentandoci una protagonista controversa, complessa e con un passato non facile da gestire. Entriamo subito in diretto contatto con Julia e con quella che, almeno alle apparenze, ci viene presentata come la perfetta famiglia felice della media borghesia. Ed è proprio un evento tragico ed improvviso, come la morte della sorella, che porterà a galla ogni sua fragilità, ogni suo passato ma non sepolto senso di colpa, insieme ai suoi dubbi, alla sua psiche complessa ed intrigata che la porteranno verso un vortice di decisioni sbagliati, di incontri segreti e di costanti, innumerevoli bugie, impedendole di distinguere la finzione dalla realtà, gli amici dai nemici.
3

[ RECENSIONE ] Quanto ti ho odiato di Kody Keplinger | Newton Compton

QUANTO TI HO ODIATO di Kody Keplinger
Prezzo: 5.90€ | Pagine: 288

Bianca Piper ha diciassette anni, è cinica ma leale e non pensa minimamente di essere la più carina tra le sue amiche. E' anche troppo intelligente per cedere al fascino di Wesley, il ragazzo più corteggiato e viscido della sua scuola. Bianca infatti lo detesta. Ma dato che le cose in famiglia non vanno granché bene e Bianca è alla disperata ricerca di una distrazione, un giorno finisce per baciare proprio Wesley. Per scoprire poi addirittura che le piace. Desiderosa di fuggire dai problemi familiari, finisce per legarsi a lui e a farci sesso. Ma Wesley è addirittura più scombinato del previsto e Bianca si ritrova terrorizzata all'idea di essersi innamorata del proprio nemico.
Quanto ti ho odiato è una piacevole commedia romantica, costruita attorno ad una narrazione divertente, particolarmente cinica ed ironica in grado di nascondere un messaggio sullo sfondo che non può essere sottovalutato. Il titolo originale del romanzo D.U.F.F.  può essere letteralmente tradotto come Designed Ugly Fat Friend ed è proprio attorno a questo acronimo decisamente stronzo che ruota tutta la storia di amore ed odio tra i due protagonisti. Wesley Rush è il classico belloccio della scuola, tutto muscoli e sorriso sghembo, costantemente munito di una schiera ben fornita di giovani pronte a riempire ogni vuoto disponibile nella sua confusa, ma decisamente piena tabella di marcia. Bianca Piper è la nostra DUFF ovvero quell'amica brutta e grassa designata. Una categoria di cui ignorava l'esistenza di base e a cui certamente non sapeva di appartenere. Almeno fino al momento in cui il simpatico Rush decide di spiattellarle la cruda realtà direttamente in faccia. Ecco, io quel sorrisetto sghembo glielo avrei tolto con estremo piacere.


Chiaramente qualcosa è accaduto. E come nelle migliori commedie romantiche la protagonista sfigata e un po' bruttarella trova il suo modo di emergere e di segnare il punto finale. Devo ammettere con voi che leggere questo romanzo è stato un po' rivedersi in un passato non poi troppo lontano: chi di noi non si è mai sentito una duff?

Non c'entra l'aspetto fisico, non questa volta. È quel senso di inadeguatezza che coglie impreparati ogni adolescente, nessuno escluso. E in questo romanzo viene messo in risalto il messaggio opposto: mai soffermarsi sulle apparenze, guardare oltre la superficie per non perdersi lo spettacolo. Una lettura leggera, certo. Ma anche scorrevole, ironica, interessante. 
0

[ RECENSIONE ] L' incastro (Im)perfetto di Colleen Hoover | Leggereditore

L'INCASTRO (IM)PERFETTO di Colleen Hoover
Prezzo: 4.90€ | Pagine: 242

Quando Tate Collins trova il pilota Miles Archer svenuto davanti alla sua porta di casa, non è decisamente amore a prima vista. Non si considerano neanche amici. Ciò che loro hanno, però, è un'innegabile reciproca attrazione! Lui non cerca l'amore e lei non ha tempo per una relazione, ma la chimica tra loro non può essere ignorata. Una volta messi in chiaro i propri desideri, i due si rendono conto di aver trovato un accordo, almeno finché Tate rispetterà due semplici regole: mai fare domande sul passato e non aspettarsi un futuro! Tate cerca di convincersi che va tutto bene, ma presto si rende conto che è più difficile di quanto pensasse. Sarà in grado di dire di no a quel sexy pilota che abita proprio accanto a lei?
Ed eccomi a parlarvi di un romanzo che mi ha sconvolto nel senso più positivo del termine, s'intende! Non avendo letto nulla della Hoover pur essendomi stata consigliata moltissime volte, mi sono approcciata a questa nuova lettura assolutamente priva di preconcettipregiudizi e solite aspettative che accompagnano scrittori tanto amati dal pubblico e un genere che non sono solita leggere.

L'Incastro (Im)Perfetto è la storia di un amore casuale, imprevisto, imprevedibile e decisamente fuori dagli schemi. Già dal loro incontro, Tate e Miles, rappresentano l'emblema delle situazioni impossibili, imbarazzanti e al limite dell'impossibile. Eppure è quel tipo di amore che mi ha incollato alle sue pagineTate è una studentessa universitaria curiosa, testarda, solare e con un senso dell'humour spiccato ed irriverente. Miles, invece, è un pilota d'aerei distaccato e chiuso con uno sguardo velato da persistenti sensi di colpa che non gli permettono di vivere appieno ogni sentimento e rendendolo quanto mai indecifrabile. La loro relazione esplode su un piano esclusivamente fisico.
7

[ RECENSIONE ] L' ombra del silenzio di Kate Morton | Sperling

L'OMBRA DEL SILENZIO  di Kate Morton
Prezzo: 19.90€ | Pagine: 540

1961. È una splendida giornata d'estate e la famiglia della sedicenne Laurel è in partenza per un picnic sulle rive del fiume che scorre vicino alla sua fattoria, nel Suffolk. Mentre tutti sono indaffarati nei preparativi, la ragazza si rifugia nella casa sull'albero della sua infanzia, e inizia a sognare. Sogna di Billy, il ragazzo che le fa battere il cuore, e di trasferirsi a Londra, dove è sicura che la aspetti un futuro straordinario. Ma prima che il sole tramonti su quel pomeriggio idilliaco Laurel assiste, non vista, a un crimine terribile. Un segreto che custodirà per anni e anni. 2011. Come aveva spesso fantasticato, Laurel è diventata un'attrice famosa e amatissima. Nemmeno il successo, però, ha potuto dissipare le ombre lunghe di quel passato lontano. Ossessionata dagli oscuri ricordi di ciò che accadde cinquant'anni prima, Laurel ritorna alla casa nel Suffolk per ricomporre i frammenti di una storia rimasta sepolta troppo tempo. La storia di un umo e due donne, cominciata per caso nella Londra semidistrutta dalle bombe della Seconda Guerra Mondiale. Una storia di passioni fatali che segnerà tragicamente i destini di quei tre giovani tanto diversi eppure uniti da un indicibile mistero.
Potrei facilmente racchiudere le mie certezze nel palmo di una mano. Quando si parla di libri ho ben chiaro in testa quali siano i miei irrinunciabili e vi possono dire che si contano sulle dita di una mano. Kate Morton è sicuramente una di questi. 
6

[ RECENSIONE ] Una stanza piena di gente di Daniel Keyes | Nord

UNA STANZA PIENA DI GENTE  di Daniel Keyes
Prezzo: 19.00€ | Pagine: 541

Il 27 ottobre 1977, la polizia di Columbus, Ohio, arresta il ventiduenne Billy Milligan con l'accusa di aver rapito, violentato e rapinato tre studentesse universitarie. Billy ha vari precedenti penali e contro di lui ci sono prove schiaccianti. Ma, durante la perizia psichiatrica richiesta dalla difesa, emerge una verità sconcertante: Billy soffre di un gravissimo disturbo dissociativo dell'identità. Nella sua mente «vivono» ben 10 personalità distinte, che interagiscono tra loro, prendono di volta in volta il sopravvento e spingono Billy a comportarsi in maniera imprevedibile. Nel corso del processo si manifestano il gelido Arthur, 22 anni, che legge e scrive l'arabo; il timoroso Danny, 14 anni, che dipinge solo nature morte; il violento Ragen, 23 anni, iugoslavo, che parla serbo-croato ed è un esperto di karaté; la sensibilissima Christene, 3 anni, che sa scrivere e disegnare, ma soffre di dislessia; e poi Alien, Tommy, David, Adalana e Christopher. Così, per la prima volta nella storia giudiziaria americana, il tribunale emette una sentenza di non colpevolezza per infermità mentale. Tuttavia Billy rimane un rebus irrisolto fino a quando, durante il ricovero in un istituto specializzato, a poco a poco non affiorano altre 14 identità autonome, tra cui spicca «il Maestro», la sintesi della vita e dei ricordi di tutti i 23 alter ego. E proprio grazie alla sua collaborazione è stato possibile scrivere questo libro.
Una Stanza Piena di Gente è un viaggio impervio e tortuoso dentro la mente umana, abbracciandone luce ed oscurità. Una mente umana non comune, certo. Billy Milligan è l'uomo che ha sconvolto l'opinione pubblica americana degli anni ottanta: accusato di rapimento e stupro a danno di tre studentesse universitarie, viene dichiarato non colpevole per infermità mentale non essendo cosciente al momento dei fatti. Un raggiro? Un'astuta macchinazione o una recita ben costruita per aggirare la macchina della giustizia? Nulla di tutto questo. 
4

[ RECENSIONE ] Sulla sedia sbagliata di Sara Rattaro | Garzanti

SULLA SEDIA SBAGLIATA di Sara Rattaro
Prezzo: 14.15€ | Pagine: 130

Una madre rimane sempre una madre. Non smette mai di esserlo. Qualunque cosa accada. Anche quando non esiste nulla di più difficile al mondo. Lo sa bene Francesca, che ogni settimana va in carcere a trovare suo figlio accusato di un reato gravissimo: omicidio. Lei che continua a domandarsi dove abbia sbagliato. Perchè negli occhi di Andrea fatica a riconoscere il bambino che ha cresciuto. Ma il suo cuore non può fare altro che proteggerlo. E' la missione di ogni madre. Proprio quella missione che Teresa sente di aver fallito nel momento in cui sua figlia le è stata strappata via troppo presto in un incidente d'auto. Francesca è la madre di un carnefice, Teresa la madre di una vittima. Eppure sono solo due donne che devono in qualche modo superare la sconfitta delle loro speranze, dei loro sogni di un futuro felice per i figli. La loro sofferenza assume le stesse tonalità, usa le stesse parole, piange le stesse lacrime. Perchè il confine tra l'errore e la verità si confonde. Non è mai netto. L'amore più puro può trasformarsi in un peso troppo grande da sopportare.
Ricordo di aver conosciuto Sara Rattaro come lettrice praticamente per caso. Un normale pomeriggio d'autunno e il desiderio di una nuova lettura mi aveva condotto alla mia libreria di fiducia e lì ad un consiglio: prova con Sara Rattaro. L'ho fatto ed è stato davvero qualcosa di meraviglioso e sorprendente. Ecco perchè quando la Garzanti ha riportato in libreria il suo romanzo d'esordio non ho potuto davvero resistere: dovevo leggere Sulla sedia sbagliata.
2

[ RECENSIONE ] La ragazza del treno di Paula Hawkins | Piemme


LA RAGAZZA DEL TRENO di Paula Hawkins
Prezzo: 10.90€ | Pagine: 320

La vita di Rachel non è di quelle che vorresti spiare. Vive sola, non ha amici e ogni mattina prende lo stesso treno che la porta alla periferia di Londra al suo grigio lavoro in città. Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata. Seduta accanto al finestrino, può osservare, non vista, le case e le strade che scorrono fuori e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione nella veranda. Un appuntamento cui Rachel, nella sua solitudine, si è affezionata. Li osserva, immagina le loro vite, ha perfino dato loro un nome: per lei, sono Jess e Jason, la coppia perfetta dalla vita perfetta. Non come la sua. Ma una mattina Rachel, su quella veranda, vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambia tutto.La rassicurante invenzione di Jess e Jason si sgretola e la sua stessa vita diventerà inestricabilmente legata a quella della coppia. Ma cosa ha visto davvero Rachel?
Cosa mi ha attirato verso questa lettura? Indubbiamente il titolo.
Vivo da pendolare da non so più quanti anni oramai e perdere il conto mi fa pensare a quanto il tempo passi velocemente. Quindi, mi sono sentita automaticamente presa in causa, ma ve lo posso qui giurare, casomai il fato ci mettesse sullo stesso treno, non bevo come una spugna e soprattutto non vedo nulla oltre qualche centimetro dal mio naso. Non guardo mai fuori dal finestrino, anzi stare da quella parte mi ha sempre messo una certa ansia e, soprattutto, mi isolo al punto tale che nulla potrebbe mai attirare la mia attenzione fuori dalle parole del libro che abitualmente mi accompagna.
9

[ RECENSIONE ] Younger di Pamela Redmond Satran

YOUNGER di Pamela Redmond Satran
Prezzo: 16.90€ | Pagine: 277

A volte nella vita basta dire.. sì. Così, quando Alice capisce che non ne può più di fare la casalinga divorziata nel New Jersey, decide di tornare a Manhattan, dalla sua vecchia amica Maggie, per "ricominciare". Ma come, se a 40 anni suonati, dopo quindici dall'ultima volta che è entrata in un ufficio, nessuna azienda che si rispetti potrebbe mai prenderla in considerazione per un lavoro? È così che quando Maggie le dà un'idea, Alice non può che lasciarsi convincere: fingersi una ventiseienne. Colpi di sole, jeans stretti, tacco alto, ed ecco che, nella notte di Capodanno, Alice diventa la se stessa di vent'anni prima. Ben presto trova lavoro in una casa editrice, e incontra Josh, un ragazzo che portava i pannolini quando lei era al liceo. Per la prima volta da quando aveva "davvero" 26 anni, o anche da prima, Alice capisce che la vita può essere piena di possibilità. Anche se, una di queste, è che la scoprano - specie quando Josh decide di fare sul serio.
Dopo la lettura di Bunker Diary mi sono ritrovata ad avere necessariamente bisogno di qualcosa di più easy, decisamente più leggero, altrettanto divertente, ma, allo stesso tempo, nulla di troppo scontato o banale. Così, gli occhi sono caduti proprio su Younger che avevo, in realtà, conosciuto scorrendo un articolo sulle nuove uscite di serie TV americane che - nemmeno a dirvelo - sono la seconda mia più grande passione. Protagonista di questa commedia è Alice, quarantaquattrenne, quasi divorziata, una figlia all'altro capo del mondo e con il cuore inevitabilmente spezzato.

La sua vita nel New Jersey sembra essere ormai condannata alla solita routine fatta di solitudine e vecchi rimpianti, se non fosse per l'invito della vecchia amica Maggie di passare il Capodanno insieme nell'eclettica, lucente ed inafferrabile Manhattan. Un piccolo cambio di programma che, ben presto, si trasformerà nel gioco più assurdo, inconcepibile ed incredibile mai provato prima. Perchè se la tua età anagrafica rappresenta il solo ostacolo rimasto verso la tanta agognata felicità, non vale forse la pena aggirarlo?
1

[ RECENSIONE ] Bunker diary di Kevin Brooks | Piemme

BUNKER DIARY di Kevin Brooks
Prezzo: 15.00€ | Pagine: 304

Linus, sedici anni, insieme a quattro adulti e una ragazzina di nove, si trova intrappolato in un bunker, uno spazio claustrofobico da cui nessuno può fuggire. Sono stati rapiti da qualcuno che si è presentato loro ogni volta in modo diverso e non sanno perchè sono stati scelti. Spiati da decine di telecamere e microfoni persino in bagno, dovranno trovare un modo per sopravvivere. Bunker Diary è un incubo da vivere sulla propria pelle attraverso le pagine del diario di Linus, in un'escalation di umiliazioni, meccanismi perversi e violenza fisica e psicologica dall' uomo di sopra.
Ci sono libri che ti avvolgono nella loro rassicurante sicurezza, altri che ti portano lontano verso mondi che, altrimenti, non potresti conoscere e poi ci sono quei libri che ti tengono in pugno, che ti racchiudono dentro una mortale morsa fatta di paure, ansie ed incontrollabili timori, senza una spiegazione logica. Questo è Bunker Diary.

Un romanzo spiazzante, crudele e capace di infiltrarsi nella psiche di ogni suo lettore. Il giorno della sua uscita ne sono rimasta affascinata sia per il titolo che per una copertina di mano quasi infantile; entrare dentro la storia è stato qualcosa di assolutamente spiazzante che mi ha costretta ad essere parte di un piano perfido ed incomprensibile attraverso le lacrime e le paure dei suoi protagonisti. Bunker Diary è la storia di un rapimento all'apparenza casuale, operato secondo modalità molto diverse e verso persone che nulla hanno veramente in comune. Non sono stati chiesti riscatti. Non ci sono comunicazioni. Né minacce o parole.


L'unico mezzo di comunicazione con il mondo esterno sembra essere rappresentato da un anonimo taccuino che Linus trasforma in un vero e proprio diario di quell'assurda prigionia e dove riporta ogni più piccolo cambiamento ed ogni quotidiana paura, ogni mancanza ed ogni umiliazione inflitta dall'uomo di sopra. E sempre per mezzo di quelle pagine, tramite una scrittura sempre più incerta e confusa, Linus ci permette di entrare nella vita di Jenny, di Bird, di Anja, di Fred e di Russell.

Leggendo questo romanzo ho provato emozioni molto diverse, contrastanti ed in un crescendo inevitabile. Partendo dalla confusione iniziale, subentra la naturale curiosità umana di conoscere chi si cela dietro le descrizioni del colpevole di tanta malvagità senza spiegazione. Un uomo senza volto, scaltro ed intelligente, un uomo sadico e perfezionista che mai nulla ha lasciato e lascerà al caso. Ma la curiosità che è parte imprescindibile dell'essere umano lascerà presto spazio allo sgomento, all'ansia nuda e cruda fino ad arrivare ad un vago quanto palese presentimento che vedrà la luce nell'epilogo finale. Bunker Diary è un romanzo che mi ha lasciato un senso di incompletezza. Voltando l'ultima pagina, mi sono ritrovata a scorrere le ultime pagine bianche con la speranza di vedere altro, di trovare una spiegazione valida a quel persistente senso di impotenza e desolazione. E' un romanzo che mi è arrivato come un pugno in pieno stomaco. Nulla di improvviso o inaspettato, sia chiaro.

Perchè insieme alle umiliazioni e alle infide vendette perpetrate ai danni dei suoi prigionieri, ci sono stati momenti in cui si è avuto quasi l'illusione di percepire un briciolo di umanità dietro quelle telecamere, dietro quei microfoni che, per la loro costante presenza, non potevano che condurre alla più autentica pazzia. Kevin Brooks ha confermato, ancora una volta, di sapere benissimo quali tasti spegnere e quali accendere per tenere il suo lettore con il fiato sospeso, rendendolo euforico ed esausto al tempo stesso.
11

[ RECENSIONE IN ANTEPRIMA ] La torre di Ruin di Simon Toyne | Sperling

LA TORRE DI RUIN di Simon Toyne
Prezzo: 19.90€ | Pagine: 404

L'FBI deve indagare su un caso molto particolare: la NASA ha perso il controllo del telescopio Hubble che ora punta verso la terra. Su tutti i pannelli di controllo si legge un unico messaggio: l'umanità non deve cercare oltre!Poco dopo cominciano a prodursi inquietanti fenomeni naturale e in tutto il mondo la gente prova l'impulso di cercare rifugio tra le mura di casa. La risposta dell'enigma si trova a molti chilometri di distanza, in un luogo mistico in pieno deserto. Dove Liv Anderson, la donna che incarna un'antica profezia, affronterà la rivelazione finale, custodita per millenni dai monaci della Cittadella di Ruin, per fermare l'apocalisse.
Voltare l'ultima pagina di La Torre di Ruin con il fiato sospeso, tirando un lungo sospiro di sollievo come dopo una corsa improvvisa e forzata in discesa, verso la meta, fa capire come Simon Toyne sia riuscito egregiamente nel suo intento. Un romanzo che è la chiusura perfetta di una trilogia che fa della cospirazione religiosa il suo fulcro più importante, ma arricchendola di dettagli personali che lo trasforma in un libro da leggere tutto d'un fiato, assaporandone ogni minima sfaccettatura, entrando nella mente di ogni suo personaggio e scoprendo che l'epilogo tanto professato non è altra che l'altro faccia di un'umana medagliaCercando di evitare, come mio dovere, ogni minima percentuale di spoiler, aprendo La Torre di Ruin ci ritroviamo a ripercorrere gli eventi e le questioni non risolte dei due libri precedenti; assistiamo ad un continuo sbalzo temporale dal presente agli otto mesi precedenti, teatro degli avvenimenti più importanti e salienti, fino al momento in cui tutte le storie personali e i diversi percorsi scientifici vanno inevitabilmente a congiungersi.
3

[ RECENSIONE ] Rosemary's baby di Ira Levin

ROSEMARY'S BABY di Ira Levin
Prezzo: 16.50€ | Pagine: 253

New York. Anni Sessanta. Il diavolo, si mormora, abita in un bel palazzo del centro: elegante, raffinato e certamente molto signorile. Come spiegare altrimenti gli strani ed inquietanti avvenimenti accaduti tra quelle mura? Ma la sinistra fama di quell'edificio vecchio ed elegante non basta ad intimorire Rosemary e Guy Woodhouse, una coppia di giovani ed innamorati coniugi che vi si trasferiscono ricchi di sogni e di speranze. Finalmente la carriera di attore di Guy sta decollando e il futuro sembra riservare loro solo felicità: per Rosemary è il momento di pensare ad un figlio! Ma la notte in cui il bambino viene concepito accadono cose tremende: è l'inizio dell'incubo e i nove mesi di gravidanza saranno un susseguirsi di fatti terrificanti ed inspiegabili. Ma chi è e cos'è davvero quel bambino che Rosemary porta in grembo?
E' stato un amore a prima lettura. 
Inevitabile è entrare letteralmente dentro la psiche di ogni personaggio, vivendo paure 
ed incertezze, timori e perplessità, luci ed ombre che rappresentano perfettamente 
ogni minima sfaccettatura dell'essere umano.

Ira Levin propone ai suoi lettori un romanzo diretto ed incisivo, serrato e con una ritmica talmente stringente da lasciare quasi senza fiato. Il suo estro e il suo indubitabile talento confeziona una creatura letteraria che, in questi anni, è entrata a pieno titolo tra gli intramontabili classici che, almeno una volta nella vita, devono essere assolutamente letti, amanti o meno del genere. In questo specifico caso, Levin ci propone una storia diabolica e sicuramente ben costruita di stregoneria, di evocazione ultraterrene, di fragilità umane, di segreti e bugie che esplodono letteralmente nel suo epilogo.

E' la storia di una giovane coppia di sposi, Rosemary e Guy, che, a dispetto delle rispettive aspettative, riescono a mettere le mani in un appartamento elegante e signorile nel tanto desiderato Bramford; un palazzo che ha attorno a sè un'aura tutt'altro che positiva se consideriamo i numerosi innaturali ed inspiegabili avvenimento che si sono susseguiti negli anni tra quelle mura. Ed è proprio lì che l'improvvisa felicità verrà in poco tempo trasformata nel peggiore degli incubi per una donna, come è Rosemary, profondamente ingenua ed incapace di vedere con i proprio occhi quello che sembrerebbe dubitabile e decisamente controverso allo sguardo di molti.

Con l'evolversi della narrazione, attraverso un procedere ritmico e costante, anche la paranoia della protagonista cresce di pari passo, accompagnata dai primi dubbi e dalle conseguenti rivelazioni che la condurranno verso una verità inconcepibile. Pensieri e conferme che condurranno Rosemary sull'orlo della pazzia che si ripercuoterà non solo nel suo aspetto fisico, sempre più debole e debilitato, ma soprattutto nel suo crescente sospetto che si riverserà in ogni persona da lei amata e stimata. E la maggiore rivelazione prenderà forma nell'epilogo del romanzo, come un vortice impossibile da fermare, assieme alla consapevolezza che, a dispetto di quanto quella realtà dovrebbe essere contrastata ed eliminata, l'unica soluzione possibile è accettare e vivere fino in fondo quella vita che mai avrebbe potuto nemmeno lontanamente immaginare.

Rosemary's Baby è un libro che provoca tensione e malessere durante tutta la narrazione; un romanzo che lascia nel suo lettore quel senso di percettibile angoscia senza mai far ricorso a scene particolarmente cruente e forti, ma colpendo perfettamente l'angolo più nascosto della psiche umana.

Perchè l'apparenza spesso inganna. Perchè sono proprio le persone di cui ci fidiamo ciecamente da cui dovremmo sempre un po' diffidare.  Perchè i nostri desideri più profondi e, a volte, nascosti possono portarci verso conseguenza terribili ed incomprensibili.

6

Cookie Privacy Police

La presente informativa privacy è redatta in adempimento degli obblighi previsti dall' Art.10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE in materia di Cookie.

Il sito Leggere in Silenzio fa uso, in alcuni casi, dei cookie. L'uso dei cookie è prevalentemente legato a motivi tecnici e di funzionamento del sistema. Le informazioni raccolte dai cookie non hanno lo scopo di identificare l'utente personalmente, ma contengono informazioni generali riguardanti le impostazioni del computer, il tipo di browser, il sistema operativo, l'indirizzo IP, la data e l'orario della Sua visita.

CHE COSA SONO I COOKIES.
I cookie sono piccoli file di testo salvati sul Suo computer o sul Suo dispositivo mobile. Non occupano molto spazio, e, una volta scaduti, saranno rimossi automaticamente. Alcuni cookie scadranno alla fine della Sua sessione Internet, mentre altri rimarranno salvati per un periodo più lungo, ma comunque limitato. Questo sito usa i cookie per fare sì che la Sua visita sia il più possibile piacevole. Ci sono diversi tipi di cookie, usati in diversi modi. Alcuni hanno la funzione di consentirle di sfogliare il sito web e di vedere determinate foto. Altri servono a darci un'idea delle Sue esperienze nel corso della Sua visita, per esempio le difficoltà che incontra nel trovare quello che cerca; in tal modo possiamo migliorare e rendere il più possibile piacevoli le Sue visite future.
Per ulteriori informazioni si rimanda a Cookie Central.

TIPOLOGIE DI COOKIE UTILIZZATE NEL SITO
A seguire i vari tipi di cookie utilizzati dal sito in funzione delle finalità d'uso.

COOKIE TECNICI
Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata (a brevissimo termine)
  • di sessioni: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso
Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l'utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

COOKIE ANALITICI
I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull'uso del sito. Il Sito userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l'utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell'utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

COOKIE DI ANALISI DI SERVIZI DI TERZE PARTI
Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

COOKIE PER INTEGRARE PRODOTTI E FUNZIONI DI SOFTWARE DI TERZE PARTI
Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.
Il Sito, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti. Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti
Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

SITI WEB E SERVIZI DI TERZE PARTI
Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da Reading is believing che quindi non risponde di questi siti.

MAILING LIST O NEWSLETTER
Con la registrazione alla mailing list o alla newsletter, l’indirizzo email dell’Utente viene automaticamente inserito in una lista di contatti a cui potranno essere trasmessi messaggi email contenenti informazioni, anche di natura commerciale e promozionale, relative a questa Applicazione. L'indirizzo email dell'Utente potrebbe anche essere aggiunto a questa lista come risultato della registrazione a questa Applicazione o dopo aver effettuato un acquisto.
Dati personali raccolti: Cognome, Cookie, Email e Nome.
Per farlo questo blog usa Feedburner, per ulteriori informazioni si rimanda alla Privacy Policy di Google.

SITI TERZI

  • Facebook Il pulsante “Mi Piace” e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc. Per ulteriori informazioni vi rimando alla Cookies Policy di Facebook
  • Twitter Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc. Per ulteriori informazioni vi rimando alla Cookies Policy di Twitter
  • Goodreads Il pulsante Goodreads e widget sociali di Goodreads sono servizi di interazione con la piattaforma Goodreads, forniti da Goodreads. Per ulteriori informazioni vi rimando alla Privacy Policy di Goodreads
  • Google Analytics Usato per tracciare anonimamente i visitatori: Le informazioni raccolte sono utili per migliorare il sito. Sono raccolte in forma anonima. Per ulteriori informazioni vi rimando alla Privacy Policy di Google Analytics
  • Bloglovin Il pulsante Bloglovin e widget sociali di Bloglovin sono servizi di interazione con la piattaforma Bloglovin, forniti da Bloglovin. Per ulteriori informazioni vi rimando alla Privacy Policy di Bloglovin
  • Rafflecopter Il pulsante Rafflecopter e widget di Rafflecopter sono servizi di interazione con la piattaforma Rafflecopter, forniti da Rafflecopter. Per ulteriori informazioni vi rimando alla Privacy Policy di Rafflecopter
  • YouTube Il pulsante YouTube e widget di YouTube sono servizi di interazione con la piattaforma YouTube, forniti da YouTube LLC. Per ulteriori informazioni vi rimando alla Privacy Policy di YouTube
  • Easy Pools Il pulsante Easy Polls e widget di Easy Polls sono servizi di interazione con la piattaforma Easy Polls, forniti da ObjcetPlanet. Per ulteriori informazioni vi rimando alla Privacy Policy di ObjcetPlanet

COME DISABILITARE I COOKIES
Può modificare le impostazioni del Suo browser in modo che i cookie siano cancellati o non vengano salvati nel Suo computer o dispositivo mobile senza il Suo consenso esplicito. 
La sezione Aiuto del Suo browser Le deve fornire informazioni sul modo di gestire le Sue impostazioni relative ai cookie. Qui può vedere come si fa con il Suo browser:
Chrome
Eseguire il Browser Chrome ● Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione ● Selezionare Impostazioni ● Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate ● Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“ ● Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie: Consentire il salvataggio dei dati in locale ● Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser ● Impedire ai siti di impostare i cookie ● Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti ● Gestire le eccezioni per alcuni siti internet ● Eliminazione di uno o tutti i cookie

Mozilla Firefox
Eseguire il Browser Mozilla Firefox ● Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione ● Selezionare Opzioni ● Seleziona il pannello Privacy ● Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate ● Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“ ● Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie: Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento ● Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato ● Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali ● Dalla sezione “Cronologia” è possibile: Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta) ● Rimuovere i singoli cookie immagazzinati

Internet Explorer
Eseguire il Browser Internet Explorer ● Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet ● Fare click sulla scheda Privacy e nella sezione Impostazioni modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie: Bloccare tutti i cookie ● Consentire tutti i cookie ● Selezione dei siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti.

Safari 6
Eseguire il Browser Safari ● Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy ● Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet ● Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli ● Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari iOS (dispositivi mobile)
Eseguire il Browser Safari iOS ● Tocca su Impostazioni e poi Safari ● Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre” ● Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati.

Opera
Eseguire il Browser Opera ● Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie ● Selezionare una delle seguenti opzioni: Accetta tutti i cookie ● Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati ● Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati.


RETI SOCIALI
Il nostro sito web e le applicazioni (mobili) mettono a disposizione Social Plug-in di diverse reti sociali. Se Lei sceglie di interagire con una rete sociale, quello che Lei fa sul nostro sito web o tramite le nostre applicazioni (mobili) potrà essere recepito anche da reti sociali come Facebook e Twitter.
Se Lei ha effettuato l'accesso a una di queste reti sociali e vi rimane durante la Sua visita a uno dei nostri siti web, o l’uso di applicazioni (mobili), è possibile che la rete sociale aggiunga al Suo profilo informazioni relative a tale visita. Se sta interagendo con uno dei Social Plug-in, anche queste informazioni passeranno alla rete sociale. Se non vuole autorizzare questo trasferimento di dati, esca dalla rete sociale prima di accedere a uno dei nostri siti web o di usare nostre applicazioni (mobili).
Questo sito non può fare niente per influire sul rilevamento e trasferimento di dati operato dai Social Plug-in. Per informazioni dettagliate sul modo in cui la rete sociale rileva ed elabora dati, sui Suoi diritti e su come Lei può impostare una tutela soddisfacente dei Suoi dati, consulti le norme sulla tutela dei dati personali adottate dalla rete sociale in questione: servizi di GoogleFacebookTwitter.



TITOLARE DEL SITO : Borghesi Cristina
INDIRIZZO EMAIL : cristina.borghesi@yahoo.it

Dal momento che l'installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all'interno di questa Applicazione non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento. 

Vista l'oggettiva complessità legata all'identificazione delle tecnologie basate sui Cookie ed alla loro integrazione molto stretta con il funzionamento del web, l'Utente è invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all'utilizzo dei Cookie stessi e ad eventuali utilizzi degli stessi – ad esempio ad opera di terzi – effettuati tramite questo sito. 

In caso di servizi erogati da terze parti, l'Utente può inoltre esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento informandosi tramite la privacy policy della terza parte, tramite il link di opt-out se esplicitamente fornito o contattando direttamente la stessa. 

Fermo restando quanto precede, il Titolare informa che l’Utente può avvalersi di Your Online Choices. Attraverso tale servizio è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. Il Titolare, pertanto, consiglia agli Utenti di utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento.
0
Powered by Blogger.
Back to Top