Recensioni

Recensioni
Recensioni A-Z

In Libreria

In Libreria
IN LIBRERIA

Ciak Si Gira

Ciak Si Gira
CIAK SI GIRA

RECENSIONE: L'Ombra del Silenzio di Kate Morton

E ancora una volta, Kate Morton si conferma una delle scrittrici contemporanee che sento più affini alla mia personale idea di romanzo; quel genere di romanzo capace di sconvolgere ogni tua ogni realtà ed ogni teoria che costruita con oculata convinzione e ragione durante la lettura.
Quel genere del romanzo dove il « tutto non è mai come sembra! » sopravvive nascosto sotto quella superficie lievemente scalfita dal ricordo e dalle sfuggenti emozioni che diventano travolgenti, reali e tangibili pagina dopo pagina.. 

1961. È una splendida giornata d'estate e la famiglia della sedicenne Laurel è in partenza per un picnic sulle rive del fiume che scorre vicino alla sua fattoria, nel Suffolk. Mentre tutti sono indaffarati nei preparativi, la ragazza si rifugia nella casa sull'albero della sua infanzia, e inizia a sognare. Sogna di Billy, il ragazzo che le fa battere il cuore, e di trasferirsi a Londra, dove è sicura che la aspetti un futuro straordinario. Ma prima che il sole tramonti su quel pomeriggio idilliaco Laurel assiste, non vista, a un crimine terribile. Un segreto che custodirà per anni e anni.
2011. Come aveva spesso fantasticato, Laurel è diventata un'attrice famosa e amatissima. Nemmeno il successo, però, ha potuto dissipare le ombre lunghe di quel passato lontano. Ossessionata dagli oscuri ricordi di ciò che accadde cinquant'anni prima, Laurel ritorna alla casa nel Suffolk per ricomporre i frammenti di una storia rimasta sepolta troppo tempo. La storia di un umo e due donne, cominciata per caso nella Londra semidistrutta dalle bombe della Seconda Guerra Mondiale. Una storia di passioni fatali che segnerà tragicamente i destini di quei tre giovani tanto diversi eppure uniti da un indicibile mistero..
Storia:5 | Personaggi: 4 |  Stile: 5 | Copertina: 4

Potrei facilmente racchiudere le mie certezze nel palmo di una mano. Quando si parla di libri, come ognuno di voi, ho ben chiaro in testa quali siano i miei assi nella manica o i miei punti forti che mai potrebbero deludermi. 
Kate Morton, dopo aver letto due dei suoi precedenti romanzi, si trovava in un limbo di velata incertezza: fidarmi? non fidarmi? approcciarmi con un pizzico di diffidenza o andare sul sicuro? Quando ho visto per la primissima volta questo romanzo in prima fila, nella mia libreria di fiducia, le stesse sensazioni si sono fatte avanti, impertinenti quasi, come le volte precedenti, spingendomi ad adottare questo nuovo pezzo di lei senza remore.. e, ora finalmente, posso metterlo per iscritto, nero su bianco, io con le sensazioni ci vado a braccetto! 
In poco più di cinquecento pagine, la Morton riesce a mettere a confronto due diverse generazioni legate da profondo rispetto ed amore reciproco; costruendo una storia ambiziosa ed emozionante, modellata su personaggi ampiamente caratterizzanti ed inevitabilmente legati da un intrecciato filo conduttore che verrà sciolto solo nell'ultimo parte rivelatrice del romanzo.
Un filo che viene tenuto e trattenuto tra le mani di tre donne, protagoniste assolute di questo romanzo, il cui legame verrà rivelato pagina dopo pagina, lasciando al lettore sempre quel piccolo sprazzo di incertezza, confusione e parziale mistero che accresce l'empatia con la stessa scrittrice.
Dorothy, Vivien e Lauren sono donne profondamente diverse sotto molti punti di vista, ma accomunate da aspettative ed atteggiamenti che il lettore saprà cogliere al termine di ogni singolo capitolo. Un romanzo che si apre con un omicidio a sangue freddo a danno di un apparente sconosciuto, compiuto dalla premuroso ed amorevole Dorothy Nicholson ed osservato, dall'alto del suo personale rifugio, dalla maggiore delle sue figlie, Lauren, testimone inconsapevole di un atto che nasconde più di quello che polizia e cronaca cittadina saprà mai dire e raccontare! 
Ed è proprio da questo ricordo che Lauren vuol partire, molti anni più tardi, rendendosi conto di non conoscere veramente sua madre, oramai costretta in un apatico letto di ospedale, negli ultimi suoi attimi di vita, o meglio di non conoscere affatto chi fosse prima di diventare moglie e madre, asse portante di una famiglia perfetta. Non riuscendo a carpire nulla che vada oltre ad un nome Vivien dalla bocca della madre, Lauren decide di condurre una sua personale ed impervia ricerca che la porterà ad approcciarsi con realtà e vicende sconosciute, con nomi e uomini mai sentiti nominare prima fino ad arrivare a comprendere come la sua stessa identità possa essere messa in dubbio dalle azioni di una madre che, soprattutto ora che è prossima a dirle addio, merita di conoscere fino in fondo!
Lo stile linguistico della Morton viene riproposto in tutta la sua autentica forza e magnetica attrazione anche in questo romanzo; ne L'Ombra del Silenzio è possibile viaggiare nel tempo attraverso epoche diametralmente opposte e negli occhi di donne che hanno vissuto dolori, gioie ed ingiustizia nemmeno lontanamente paragonabili.
Le ambientazioni scelte dalla Morton non possono altrimenti deludere: con la stessa velocità di una pennellata veloce sopra una tela intatta, passiamo dalle lontane campagne di Conventry ad una Londra semi distrutta dai bombardamenti aerei; vivendo storie di vita quotidiana, amori, ossessioni e taciute amicizie che riempono la testa di numeroso domande ed inevitabili curiosità.
Non sempre attraversare diverse barriere temporali durante la lettura di un romanzo può rivelarsi un buon risultato o un sicuro punto di forza, anzi, molte volte si rischia di cadere nel difetto altamente pericoloso della noia o dell'anonimato o ancora peggio nella ridondante pesantezza che porta il lettore a chiudere il libro ancor prima di giungere all'epilogo finale.
Ma state tranquilli! non è questo il caso: Kate Morton ha il pieno e totale controllo della situazione e grazie al suo innegabile talento riesce a domare perfettamente quegli sbalzi temporali che, per molti altri scrittori incontrati in passato, sono stati un vero e proprio tallone d'Achille
Non risulta pesante, ripetitiva o banale, ma riesce ad entrare nella mente e nel cuore di ogni singolo personaggio, in modo tale da rendere inevitabile l'empatia che naturalmente scatta con il suo lettore.
Affezionarsi ai suoi personaggi è talmente facile da rimanere spiazzati e senza parole quando ogni certezza, fino a quel momento caparbiamente costruita, viene improvvisamente ribaltata rivelando una verità che, certo, non ti saresti mai aspettato.
Ed ecco perchè, termino questa mia recensione, consigliando questo romanzi a quanti hanno amato quelli che lo hanno preceduto perchè non ne rimarrete delusi e a quanti vivono per l'intrigo ben nascosto dalla superficie, quanti preferiscono scoprire i segreti raccontati che vederli presentarsi da soli, senza troppo impegno, a quanti vogliono vivere un romanzo che intreccia storia ed amore, passione e vendetta, desiderio e giustizia perchè questo è proprio quel genere di romanzo che stavate cercando da tanto, tantissimo tempo.
E non spaventatevi dalle pagine o non fermatemi se, durante la lettura, vi sembrerà che il racconto sia ostacolato da intoppi ed ostacoli verso la rivelazione di ogni vostra domanda perchè la risposta è proprio lì, dietro l'angolo, pronta a svelarvi nel modo più inconsueto e sorprendente, tenendovi incollati ad ogni singola frase in attesa di tirare quel tanto atteso respiro di sollievo.
E non so se quel io lo sapevo! che occupa sempre la prima fila sulla punta della vostra lingua, questa volta riuscirà a prendere il sopravvento e reclamare il suo ruolo da protagonista..

Cosa ne pensate de L'Ombra del Silenzio?
Avete letto altri romanzi della Morton?
Lasciatemi le vostre impressioni, giudizi, curiosità o anche dissensi nei commenti..
Cristina
6

NOVITA' IN LIBRERIA #22 : A Un Soffio Dalla Fine di Beck Weathers con Stephen G. Michaud

A un Soffio dalla Fine è la storia che ha ispirato Everest, il film che aprirà la Mostra del Cinema di Venezia il prossimo 2 Settembre con Keira Knightley e Jake Gillenhaal.


Casa Editrice : Corbaccio
Prezzo : 18.00€
Pagine : 252
Data di Pubblicazione : 27 Agosto 2015
Nel maggio 1996 Beck Weathers si trova con altri alpinisti sotto la vetta dell'Everest, quando sulla montagna si scatena una terribile tormenta di neve. Nove sono le vittime di questa immane tragedia raccontata da Jon Krakauer in Aria Sottile, ma a una di essere, Beck Weathers, viene data una seconda chance. Arrivato in condizioni disperate al campo base, cieco, ricoperto interamente di ghiaccio, viene abbandonato dai suoi compagni che, a loro volta tentano di mettersi in salvo. Solo la moglie non si arrende a quello che appare un destino segnato e organizza una rischiosissima missione di salvataggio.. 
A un soffio dalla fine, ripubblicato con una nuova prefazione dell'autore a quindici anni dalla prima edizione, non è solo la storia incredibile di una spedizione drammatica, in cui morirono otto uomini, ma è anche la testimonianza emozionante e commovente di un sopravvissuto che ha saputo vedere la realtà che lo circonda, la famiglia, gli amici, la vita di tutti i giorni, con occhi nuovi.

« Non sono particolarmente credente, ma all’ultimo istante una forza dentro di me ha rifiutato la morte e mi ha guidato, cieco e zoppicante – praticamente un morto che cammina – verso il campo e verso un esitante ritorno alla vita.. »


Medico anatomopatologo, Beck Weathers ha perso la mano destra e parte della mano sinistra e del naso per congelamento durante la spedizione all'Everest nel 1996. Oltre alla professione di medico, da anni Beck Weathers tiene conferenze motivazionali sulla sua esperienza straordinaria e sull'importanza di saper cogliere le seconde chance che la vita ci offre. 
Stephen G. Michaud giornalista e scrittore, è autore di numerosi libri, fra cui, tradotti in Italia, Storie di Perversioni Criminali e Ossessioni Criminali.

EVEREST - IL FILM : prodotto per la Universal Pictures diretto da Baltasar Kormàkur, sarà il film d'apertura, fuori concorso, della 72a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia ( 2-12 Settembre 2015 ) e sarà proiettto in prima mondiale il 2 settembre nella Sala Grande ( Palazzo del Cinema ) al Lido di Venezia.
Beck Weathers è interpretato nel film Everest dall'attore Josh Brolin. 
Dal 24 settembre al Cinema.
Cristina
0

BOOKTAG #1 : I Miei Scrittori Preferiti

Chi non conosce INSTAGRAM alzi la mano! 
Per i pochissimi che non lo hanno fatto, una brevissima e doverosa spiegazione: Instagram non è altro che un luogo non ben precisato scelto da moltissimi social-addicted per condividere con il resto del mondo piccoli sprazzi di vita quotidiana.
E molte volte mi ritrovo a gironzolare senza meta tra tutte quelle foto, guidata da un improvviso senso di noia e nello specifico da una sana, umana e quantomai femminile curiosità.. perchè mi guardate così? A voi non capita mai? * e si va a nascondere in un angolino sperduto della blogosfera.. *


E proprio in uno di questi miei inusuali viaggi che mi sono imbattuto in un #booktag e mi sono detta: perchè non proporlo anche dalle mie parti?
Così, ferma ad osservare la mia libreria, ecco arrivare l'ispirazione : I MIEI SCRITTORI PREFERITI. Ed in un mondo fatto di meravigliose donne scrittrice del passato e del presente, il mio sguardo è caduto proprio sui libri scritti da un perfetto, intrigante ed assolutamente consapevole io maschile

1. John Ronald Reuel Tolkien : per me lui è il maestro; colui che mi ha fatto conoscere un genere, quello fantasy, che prima guardavo con ben poca curiosità e supponente indifferenza. Attraverso le sue opere, si diventa parte integrante di un viaggio meraviglioso, avventuroso e quanto mai indimenticabile; un viaggio che mi ha insegnato il vero valore dell'amicizia, del sacrificio e dei valori, quelli importanti, quelli che rimangono saldi ed immutabili nel cuore dell'uomo giusto, per tutta la vita! 
2. George Martin : conosciuto grazie alla serie TV Game of Thrones che mi ha appassionata per non dire ossessionata fin dai primissimi minuti; grazie a lui ho riscoperto il genere fantasy dopo anni e anni di attesa. Certo, un fantasy che si differenzia notevolmente da quello di Tolkien : più adulto, più contorto e decisamente più controverso; dove sesso, guerra e morte ne fanno da padrona, a volte anche troppo frequentemente, ma che riesce a catturare il lettore fin dalle prime pagine con un metodo linguistico diretto, crudo e quantomai efficace! Unica regola: non affezionatevi a nessun personaggio e quando dico nessuno, intendo proprio NESSUNO
3. Nicholas Sparks : prima di lui guardavo con diffidenza uomini che scrivevano d'amore; il rischio che fosse solo una grottesca imitazione era proprio dietro l'angolo! Invece, con il poeta dell'amore è stato un vero e proprio colpo di fulmine che ci ha legati indissolubilmente attraverso storie che narrano di sentimenti veri, reali e contrastati; un poeta che attraverso la scelta di parole semplici, dirette e mai stereotipate riesce a conquistare il cuore del suo lettore, senza mai lasciarlo andare.
4. Ken Follett : indubbiamente Follett presenta un stile linguistico più ricercato e molto attento ai particolari attraverso descrizioni minuziose e quantomai affini alla realtà storica che, molto spesso, è il punto focale della sua narrazione. Un autore che abbraccia le tematiche più differenti senza mai perdere spontaneità, credibilità ed assoluta convinzione.
5. Stephen King : anche io ho passato la mia fase oscura e decisamente dark che mi ha portato a leggere, per molti anni, nell'età adolescenziale, quasi esclusivamente romanzi di questo autore. Con alti e bassi che fanno comunque parte naturale della storia di uno scrittore così prolifico e decisamente osannato, King è quel tipo di autore che deve essere letto, entrando nella sua psiche e attraversando il suo mondo fatto di luci e ombre assolutamente irresistibili.
6. Khaled Hosseini : il mio colpo di fulmine più recente in campo letterario scoppiato per puro caso tra gli scaffali della mia libreria di fiducia. Un colpo di fulmine che si è trasformato, capitolo dopo capitolo, in un vero e proprio amore letterario. La bellezza di questo autore sta proprio nella forza con cui pone davanti ai nostri occhi realtà sociali e culturali a noi quasi sconosciuto o che, in alcuni casi, crediamo di conoscere, spinti da una supponente presunzione fatta di idee sbagliati e troppi sentito dire. Innamorarsi dei suoi romanzi è semplicemente inevitabile!


Ed ora la palla passa a voi: quali sono i vostri scrittori preferiti? 
Cosa ne pensate dei miei TOP6?
Lasciatemi le vostre impressioni nei commenti :)

Cristina
3

[ RECENSIONE ] Una Stanza Piena di Gente di Daniel Keyes

Il 27 ottobre 1977, la polizia di Columbus, Ohio, arresta il ventiduenne Billy Milligan con l'accusa di aver rapito, violentato e rapinato tre studentesse universitarie. Billy ha vari precedenti penali e contro di lui ci sono prove schiaccianti. Ma, durante la perizia psichiatrica richiesta dalla difesa, emerge una verità sconcertante: Billy soffre di un gravissimo disturbo dissociativo dell'identità. Nella sua mente vivono ben 10 personalità distinte che interagiscono tra loro, prendono di volta in volta il sopravvento e spingono Billy a comportarsi in maniera imprevedibile. Così, per la prima volta nella storia giudiziaria americana, il tribunale emette una sentenza di non colpevolezza per infermità mentale. Tuttavia Billy rimane un rebus irrisolto fino a quando, durante il ricovero in un istituto specializzato, a poco a poco non affiorano altre 14 identità autonome, tra cui spicca Il Maestro, sintesi della vita e dei ricordi di tutti i 23 alter ego. E proprio grazie alla sua collaborazione è stato possibile scrivere questo libro che, con la passione e lo slancio di un resoconto in presa diretta, ricostruisce l'incredibile vicenda di Milligan e ci permette di entrare in quella stanza piena di gente che è la sua psiche.

Una Stanza Piena di Gente è un viaggio impervio e tortuoso dentro la mente umana, abbracciandone luce ed oscurità. Una mente umana non comune, certo. Billy Milligan è l'uomo che ha sconvolto l'opinione pubblica americana degli anni ottanta: accusato di rapimento e stupro a danno di tre studentesse universitarie, viene dichiarato non colpevole per infermità mentale non essendo cosciente al momento dei fatti. Un raggiro? Un'astuta macchinazione o una recita ben costruita per aggirare la macchina della giustizia? Nulla di tutto questo. 

Billy non ricorda di aver mai commesso alcuno degli atroci capi di imputazione che gli vengono mossi dall'accusa. In realtà, Billy non ricorda troppe cose del suo passato che iniziano a farlo dubitare e precipitare in un vortice di domande apparentemente senza risposta, di profonde e radicate paure, di vividi timori fino alla più sincera costernazione! Attraverso le parole di quella che si presenta come una biografia priva di filtri e censure, iniziamo a ripercorrere la sua vita, partendo da un'infanzia fatta di violenze fisiche e psicologiche, causa primaria della sua originaria dissociazione che hanno portato alla formazione di ben ventiquattro personalità diverse.

Sono persone completamente diverse che vivono all'interno della sua mente e che - saltando sul posto - prendono possesso della coscienza a seconda delle necessità o delle varie difficoltà da superare nella vita di tutti i giorni. Persone che, una volta fuse tra loro, andranno a formare la personalità principale presentata come Il Maestro, capace di riunire ogni peculiarità, caratteristica e talento venuti alla luce durante i numerosi colloqui con il personale medico e psicologico. 

Quello che è necessario porre in risalto è che non si tratta di un romanzo.
Ogni esperienza viene presentata nel modo più chiaro, semplice ed inequivocabile direttamente attraverso le parole, i gesti, le delusioni e le sofferenze a cui Billy è stato sottoposto durante la sua lunga ed estenuante detenzione. Come in un professionale e dettagliato resoconto giornalistico, vengono presentate al lettore le numerose personalità che si affacceranno, prendendo il sopravvento nell'esistenza di Billy ed è quantomai sorprendente come ogni singola persona presenti caratteristiche e peculiarità così diverse, differenti e diversificate, molte volte quasi agli antipodi. 
Sono pagine che denunciano l' inadeguatezza dell'essere umano di fronte al diverso. Billy viene condannato senza possibilità di appello. Senza fermarsi a comprendere quanta sofferenza debba essere nascosta sotto quella complicata superficie, la società sceglie la via più facile e vile che non permette seconde possibilità. Ed è proprio quella seconda possibilità che brama Billy per tutta la sua vita, cercando di mettere insieme ogni pezzo, lottando con la parte più oscura di se stesso. 

Non conoscevo la storia di Billy Milligan prima di scoprire questo libro. Credevo che simili realtà potessero essere costruite solo dalla mente contorta di qualche abile sceneggiatore, ma entrare nella sua psiche mi ha confermato che nulla può essere dato per scontato, che è necessario andare oltre la maschera, scalfire quel muro protettivo e cercare di comprendere quanto ogni uomo sia diverso dal suo prossimo. Una stanza piena di gente è indubbiamente un libro forte e potente sotto molti punti di vista; un libro dove il limite tra cosa è giusto e cosa è sbagliata diventa quasi impercettibile e sta alla personale coscienza di ognuno decidere da che parte stare. 
4

ANTEPRIMA #22 : L'Invasione delle Tenebre di Glenn Cooper

Dopo avervi parlato di Il Portale delle Tenebre qualche mese fa, questa volta gioco in anticipo con un #savethedate decisamente degno di questo nome: Glenn Cooper, il Re americano del thriller storico, torna il libreria il prossimo 12 Novembre con l'ultimo capitolo della trilogia Dannati - L'Invasione delle Tenebre
L'atto finale di una saga che ha tenuto incollati alle pagine milioni di lettori in tutto il mondo.. 

IL GIORNO DEL GIUDIZIO E' OGGI..

Casa Editrice : Nord
Prezzo : 19.99€
Pagine : 504
Londra è una città fantasma. 
I pochi che non ha voluto - o non hanno potuto - dare seguito all'ordine d'evacuazione del governo, sono barricati in casa, nella vana speranza che tutto quello che stanno vivendo sia un incubo da cui presto si sveglieranno. Ma è tutto reale! Perchè sono reali le vetrine infrante, i negozi saccheggiati, i cadaveri lasciati per strada. E, soprattutto, sono reali le bande di uomini assetati di sangue che, dopo essere comparsi all'improvviso dal nulla, stanno mettendo a ferro e fuoco la città e alcuni suoi sobborghi. Uomini che continuano ad arrivare senza sosta, come l'onda in piena di un fiume immenso. Un fiume che ha la sua sorgente all' Inferno, come sanno bene John Camp e Emily Loughty. Dopo il loro ultimo viaggio nel mondo dei Dannati, infatti, i varchi interdimensionali non soltanto si sono moltiplicati, ma sono anche rimasti aperti, portando letteralmente l'Inferno in Terra e catapultando centinaia di innocenti dall'altra parte. E c'è solo una persona che sa come chiudere per sempre le Porte delle Tenebre: Paul Loomis, l'ex capo di Emily.
Purtroppo Paul Loomis è morto, si è suicidato sette anni fa, dopo aver ucciso la moglie e l'amante di lei con due colpi di fucile.
Ma Emily e John sanno dove trovarlo e come mettersi in contatto con lui. Perchè lo hanno già incontrato all'Inferno..

Glenn Cooper rappresenta uno straordinario caso di self-made man. 
Dopo essersi laureato con il massimo dei voti in Archeologia ad Harvard, ha scelto di conseguire il dottorato in Medicina. E' stato presidente ed amministratore delegato della più importante industria di biotecnologie del Massachusetts, ma, a dimostrazione della sua versatilità, è diventato sceneggiatore e produttore cinematografico. 
Grazie al clamoroso successo della trilogia della Biblioteca dei Morti e dei suoi successivi romanzi, si è imposto anche come autore di best-sellers internazionali. 

Lettori, cosa ne pensate di questa trilogia? L'avete letta o vi incuriosisce? 
Lasciatemi le vostre impressioni nei commenti..
Cristina
3

NOVITA' IN LIBRERIA #21 : Prometto di Sbagliare di Pedro Chagas Freitas

In questo nuovo appuntamento con la novità in libreria voglio travolgere la solita routine andando a presentarvi non un libro già uscito e fisicamente presente negli scaffali della vostra libreria di fiducia ( pronto, come non mai, ad essere adottato! ), ma bensì parlarvi di un romanzo che uscirà a fine mese, esattamente il prossimo 27.08.2015, di un autore che francamente non conoscevo e che, capitato per caso sotto il mio sguardo attento da blogger in ossessiva ricerca, mi ha immediatamente affascinata.
La copertina di un tenue color pastello regala una vivida percezione di leggera freschezza; il titolo, d'altro canto, non può che risvegliare nel lettore un'inevitabile curiosità che, ora, condividendo le informazioni legate a Prometto di Sbagliare cercherò in parte di soddisfare..

Casa Editrice : Garzanti
Prezzo : 16.40€
Pagine : 380
Data di Pubblicazione : 27 Agosto 2015
Il locale è affollato e rumoroso. 
L’uomo è seduto vicino alla finestra e guarda il cielo grigio, annoiato come ogni lunedì mattina. Improvvisamente si volta e lei è lì, di fronte a lui. 
Gli occhi carichi di stupore e l’imbarazzo tradito dal tremito della dita che afferrano la borsa. Sono passati anni dall'ultima volta che l’ha vista, il giorno in cui l’ha lasciata. Senza una spiegazione, senza un perché, se n’è andato spezzandole il cuore. 
Da allora, lei si è rifatta una vita, e anche lui. Eppure solo ora si rende conto di non avere smesso di amarla neanche per un secondo. Per questo, quando lei cerca di fuggire da lui, troppo sconvolta dalle emozioni che la percuotono, l’uomo decide di fermarla. 
E nel loro abbraccio, in mezzo ai passanti, prometterle di tentare, agire, cadere, sbagliare di nuovo. Amarla. Davvero e per sempre. Questa sembrerebbe la fine, ma non è che l’inizio della loro storia. 
Perché ogni loro gesto, ogni lettera che si scrivono, ogni persona che incontrano, ha un universo da raccontare. E l’amore è il filo rosso che lega tutto. 
Quante volte ci siamo chiesti com'era l’amore da cui siamo nati? Come si è sentito nostro padre la prima volta che ci ha tenuto in braccio? L’emozione più grande è quella di ritrovare quello che si è perso e amarlo di nuovo, come se fosse la prima volta..

« Perchè l'amore ci spezza, l'amore ci stordisce, l'amore ci fa sentire immortali e subito dopo inermi e senza forze. Ma il suo potere più grande è quello di farci sentire liberi. Questo è l'amore che con un sussurro parla direttamente alla nostra anima.. »

Pedro Chagas Freitas è uno scrittore, giornalista ed insegnante di scrittura creativa portoghese. Ha già all'attivo più di 15 romanzi ed è il creatore del Campionato Nazionale di Scrittura Creativa
Ha sviluppato il suo primo romanzo su Facebook e ha scritto un libro per ventiquattro ore consecutive in un centro commerciale. 
Ha vinto il premio Jovens Criadores presso il Centro Nacional de Cultura.


Lettori, cosa ne pensate di questo romanzo?
Io ne sono rimasta letteralmente affascinata: non è il solito libro d'amore tutto rose, fiori e merletti, ma racconta di un'amore imperfetto e proprio per questo vivo e reale come non mai. 
Sicuramente sarà la mia primissima lettura dopo l'inevitabile quanto imminente ( ed odiosa! ) sessione di settembre.. 
Cristina
2

ANTEPRIMA #21 : La Trappola di Melanie Raabe

Buongiorno Lettori. 
Vi siete già organizzati per la notte più stellata dell'anno? Avete già stilato la vostra wish-parade da sottoporre per il nuovo anno oramai fin troppo vicino? Insomma, superstizioni o diffidenti in questa notte dei desideri?

E' una notte come tutte le altre notti, è una notte con qualcosa di speciale. Una musica mi chiama verso sè come acqua verso il mare. Vedo un turbinio di gente colorata che si affolla dietro a un ritmo elementare; attraverserò la terra desolata per raggiungere qualcosa di migliore.. 

Ma oggi è pur sempre lunedì e, come ben sapete, per noi di Leggere in Silenzio : « Lunedì è Anteprima! » insieme, in questa nuova settimana, ad un thriller coinvolgente, raffinato ed incalzante in grado di attirare il lettore nella sua personale trappola, conducendolo verso realtà sovrapposte, perdendo quasi il senso della ragione, fino a condurlo ad un finale spiazzante e razionalmente inconcepibile..

INFO LIBRO
Autrice di bestseller, Linda Conrads, trentotto anni, è un mistero per i suoi fans e per la stampa.
Da undici anni non mette piede fuori di casa, una villa isolata sul lago Starnberg.
Solo pochissime persone sanno che dietro al successo straordinario della scrittrice si cela un terribile segreto..
Molti anni prima, Linda, entrando in casa della sorella Anna, l'ha trovata riversa a terra, brutalmente assassinata e ha intravisto l'omicida che si dava alla fuga e che non è mai stato identificato.
Perchè Anna è dovuta morire? è la domanda che tormenta Linda da allora, così come il volto dell'assassino tormenta ogni notte i suoi sogni.
Finchè un giorno, casualmente, Linda si ritrova a fissare scioccata la televisione dove compare quel viso, il viso dell'assassino.
E' la spinta che le serve per uscire finalmente di casa: servendosi dell'unica arma che ha a disposizione, ovvero la capacità di scrivere,
Linda pianifica nei minimi dettagli una trappola mortale ma, nel momento in cui sta per scattare, la realtà si capovolge, fatti e fantasie si mescolano e Linda non sa nemmeno più se l'uomo che ha di fronte è veramente il mostro che credeva..

Melanie Raabe è nata a Jena nel 1981, è cresciuta in un paesino di quattrocento anime della Turingia, ha trascorso l'adolescenza giocando a calcio e arrampicandosi sugli alberi in una cittadina della Vestfalia settentrionale e ha studiato Scienze della Comunicazione e Letterature Comparate a Bochum. Ha lavorato come giornalista e scritto testi teatrali e racconti.
La Trappola è il suo primo romanzo.

Cosa ne pensate, Lettori?
Lasciatemi le vostre impressioni nei commenti :)

Cristina
0

NOVITA' IN LIBRERIA #20 : Alice, Punto e a Capo di Carol Marinelli

Perchè ho scelto proprio questo romanzo?
Dovrei fare una brevissima premessa. Solitamente quando scelgo il romanzo protagonista di questa rubrica settimanale, mi faccio guidare esclusivamente dal mio senso senso da lettrice compulsiva e consumata, solitamente, devo ammettere, che la scelta si rivela sempre molto azzeccata. Questa volta, invece, ho voluto mettere in moto un po' della tanta decantata materia grigia ed informarmi più nello specifico sulle nuove uscite dello scorso mese. I miei occhi sono stati immediatamente attratti da questa copertina: sa di estate, di divertimento e di assoluta freschezza, ma quello stesso sesto senso mi trasmetteva quella strana sensazione del non può essere tutto così semplice, deve esserci altro dietro quel sorriso.. Sensazione che è diventata quasi certezza una volta lette varie recensioni spoilers free che, insieme alle doveroso eccezionipresentano questo romanzo come un'esperienza fresca e spontanea, ma con un messaggio forte e d'impatto che mira dritto al cuore.
Curiose di leggerlo? Io decisamente sì!

IN LIBRERIA
Alice è l'amica che vorresti avere. 
La ragazza che rende una festa più divertente, beve vino da una tazza e ti fa ridere mentre stai piangendo per un ex.
Alice è assolutamente felice, tutto è meraviglioso e non c'è nulla di cui preoccuparsi.. tranne che, ok: il suo lavoro era davvero bello - 10 anni fa
E' innamorata del suo migliore amico, ma lui è gay.
Gli estratti conto della sua carta di credito sono nascosti sotto il letto, chiusi. 
Ma forse il problema più grande di Alice è che nasconde un segreto.
Un segreto così enorme che non può raccontarlo a nessuno.
Come fa a mantenere un segreto così quando tutto sta iniziando ad andare a pezzi?
E una volta che l'hai finalmente rivelato, da dove cominci a rimettere insieme la tua vita?

Romanzo disponibile anche in formato ebook.


Carol Marinelli è nata in Inghilterra dove ha completato gli studi da infermiera. Dopo aver visitato l'Australia per una breve vacanza, ha deciso di trasferirsi lì definitivamente e precisamente a Melbourne dove vive insieme al marito, i loro tre bambini, un cane ed un gatto!
Di lei dice « essere infermiera è stato il mio primo amore, ma ho sempre amato scrivere. Scrivere per me è il lavoro perfetto perchè mi preoccupo per ogni cosa. Così buttare tutta quella energia nei miei libri mi è di grande aiuto.. » [ Fonte : http://www.carolmarinelli.com/ ]

Avete letto questo romanzo? Conoscete l'autrice?
Cosa ne pensate di Alice, punto e capo?
Lasciatemi le vostre impressioni nei commenti..
Cristina
0

[ RECENSIONE ] Nichi Arriva Con Il Buio di Sara Zelda Mazzini

A dieci anni dalla morte del suo ex fidanzato una donna ne racconta la storia alla sorella adolescente di lui che non ha avuto il tempo di conoscerlo davvero. Greta ha quattordici anni quando conosce Nicola in occasione di una vacanza al mare, i due si incontrato ogni estate nella medesima località di villeggiatura, portandosi appresso nuovi bagagli di vita reale: Greta ha i genitori separati e presto arriva anche una sorellina, la stessa cosa accade in seguito a Nicola; due esistenze speculari a trecento chilometri di distanza unite da un filo fragilissimo di fiducia e speranza. La storia di Greta e Nicola è contrastata di volta in volta da personaggi gelosi, orgogliosi, insicuri e disperati, ma soprattutto da loro stessi. Tra concorsi di bellezza e quiz televisivi, la vicenda è l'occasione per ricostruire un decennio di storia italiana dal punto di vista di una generazione, a favore di chi quella generazione non l'ha mai vissuta..
Quando ho iniziato la lettura di Nichi arriva con il buio non mi aspettavo che dalle sue parole sarebbe scaturite emozioni così forti ed inaspettate legate ad un passato che sì credevo decisamente lontano, ma che, a ben pensarci, troppo lontano non lo è mai stato. Per chi ha vissuto i meravigliosi anni novanta, questo libro rappresenterà un ricordo continuo e costante fatto di pensieri, fatto di momento, fatto di persone ed incontri che non se sono mai andati, ma vivono ancora lì, ancorati in un posticino sicuro, in fondo al vostro cuore. E sono proprio queste le emozioni che il lettore potrà rivivere attraverso gli occhi e le parole di Greta che, in prima persona, racconta a Ecaterina, sorella minore di Nichi, la loro storia d'amore e la verità di un fratello che non ha mai potuto conoscere, davvero.
Greta e Nichi trascorrono le loro vacanze estive in un campeggio che sarà testimone e teatro della loro storia d'amore nata su una spiaggia rovente e accompagnata dal rumore delle onde del mare.
3
Powered by Blogger.
Back to Top