Recensioni

Recensioni
Recensioni A-Z

In Libreria

In Libreria
IN LIBRERIA

Ciak Si Gira

Ciak Si Gira
CIAK SI GIRA

[ RECENSIONE ] Ogni piccola bugia di Alice Feeney | Casa Editrice Nord

OGNI PICCOLA BUGIA di Alice Feeney
Prezzo: 16.90€ | Pagine: 336

Il mondo intorno a lei è fatto solo di suoni, rumori, voci. Ed è grazie a quelle voci frammentarie e confuse che Amber Reynolds capisce di aver avuto un incidente d’auto e di essere in una stanza di ospedale. In coma. Amber non ricorda nulla di quanto le è accaduto, e una domanda la perseguita da subito: com’è possibile? Io non guido quasi mai. Poi, tra quelle voci ne riconosce due, che diventeranno il suo unico contatto con l’esterno. Quelle di suo marito e di sua sorella. Ignari che Amber li possa sentire, i due discutono, litigano, rivelano dettagli e indizi. E lei si rende conto di non potersi fidare. Entrambi hanno qualcosa da nascondere. E, forse, non sono un'ancora di salvezza, bensì un pericolo vicino e insidioso. No, l’unico modo per scoprire cosa le è successo è ricostruire nella sua mente, passo dopo passo, gli eventi dell’ultima settimana, fino al momento dell’incidente. Ma Amber ha paura. È impotente, in balia di chi le sta intorno. Come l’uomo che si accosta al suo letto la sera, quando gli altri sono andati via. E che le sussurra all’orecchio velate e inquietanti minacce. Amber deve svegliarsi, prima che sia troppo tardi. Perché anche lei ha un segreto da proteggere. Anche lei ha un piano da portare a termine.
Alice Feeney è un genio. Lo so, non sono la prima a scriverlo e sicuramente molte altre recensioni esordiranno con queste esatte parole, ma perché negare la realtà? Alice Feeney ci regala un romanzo forte e convincente che si presenta come un esordio enigmatico ed esplosivo, creativo e convincente perché ogni piccola bugia è essenzialmente il thriller perfetto.

Parlarvi della trama senza cadere nel pericoloso tranello spoiler, credetemi, è praticamente impossibile e, soprattutto in romanzi dove il risvolto psicologico abbraccia letteralmente ogni capitolo, credo sia giusto e rispettoso lasciare ai lettore il piacere di scoprire una lettura capace di avvolgere, coinvolgere, ammaliare e sorprendere grazie ad uno stile diretto e matura che non lascia nulla al caso e senza mai risultare pesante, già sentito o altrimenti scontato.

Ogni piccola bugia è essenzialmente tutto e il contrario di tutto. Ogni tassello sembra quasi giocare con la mente del suo lettore al punto da intrecciarsi con coerenza e verosimiglianza, lasciandosi coinvolgere in modo autentico e naturale, incartandosi inevitabilmente rivelazione dopo rivelazione fino ad un epilogo che ne esalta puramente forma e contenuto. Alice Feeney è una scrittrice che non espone eccessivamente il suo evidente talento, ma che con intelligenza ed arguzia sfiora le corde più sensibili, giocando abilmente con l'elemento psicologico, motore ineccepibile dell'intera narrazione.

La storia risulta essere coerente al genere e agli eventi che si susseguono tra un passato molto lontano, ricordi più recenti e un presente fatto di silenzi, bugie e incognite. Ogni intreccio risulterà chiaro ed evidente solo dopo aver sfogliato quell'ultima pagina che chiude perfettamente un romanzo che non fatico a considerare il miglior thriller letto in questo anno. Ed è qui che sta la marcia in più della Feeney che proprio nulla ha in meno di altre sue più osannate e onnipresenti colleghe. Ogni piccola bugia è un gioco silenzioso tra autore e lettore che inevitabilmente conquista gli amanti del genere, ponendo l'accento su ogni dettaglio o minima sfaccettatura, arrivando a soddisfare in pieno ogni iniziale aspettativa. I personaggi - in modo particolare Amber e Claire - rappresentano la chiave di volta dell'intera narrazione, interpretando perfettamente il ruolo a loro designato al centro esatto di una scena apparentemente lineare, di attesa ma in grado di nascondere dietro maschere di perfezione, affetto e reciproca dipendenza pericolosi segreti e dolorosi silenzi che troveranno, alla fine, la loro voce.

11 commenti

  1. Concordo in parte con te, ma allo stesso tempo non mi è piaciuto. Nel senso che questi thriller mi fanno sentire come una che è stata al freddo e sotto la pioggia per ore. E' sicuramente un buon thriller, ma probabilmente non è il mio genere, non per niente preferisco i gialli classici. Amber, Clare e Taylor mi mettono i brividi e ovviamente non possono suscitare alcun sentimento di empatia.
    Comunque è un limite mio.
    Bacioni Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente appartieni alla categoria dei " tradizionalisti " :) io, invece, dal mio animo profondamente sadico riesco ad entrare maggiormente in sintonia con i personaggi più foschi, oscuri, da brividi.. e li adoro!

      Elimina
  2. Cbe super recensione Cristina!! :-) e hai proprio ragione, noi amanti dei thriller psicologici vogliamo rimanere decisamente stupiti a fine libro... pur sapendo che le nostre supposizioni saranno bellamente smontate!! ;-)
    Aggiungo subito questo libro alla mia wishlist!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie, Lara! Hai proprio ragione... è elemento imprescindibile di ogni thriller che si rispetti!

      Elimina
  3. Te l'avevo detto! Ti sei accorta che, ormai, più della metà dei miei commenti qui inizia così?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tieni in caldo il commento anche per la prossima recensione, allora ;)

      Elimina
  4. ecco meno male! ho prenotato questo libro proprio stamattina in biblioteca e sapere che è piaciuto così tanto mi rende felice!

    bellissima recensione.

    RispondiElimina
  5. Bellissimo blog bella le recensioni che scrivi brava ti vi di ricambiare commentando nel mio blog https://diariodunascrittricemergentebrigida.blogspot.it/?m=1

    RispondiElimina
  6. Sto aspettando che arrivi in libreria e sara'il mio prossimo thriller....spero mi sorprenda come ha fatto con te!!!

    RispondiElimina

Powered by Blogger.
Back to Top