Recensioni

Recensioni
Recensioni A-Z

Consigli di lettura

Consigli di lettura
IN LIBRERIA

Blogtour

Blogtour
Blogtour & Review Party

[ PREMIO BANCARELLA 2018 ] Tutto Questo Ti Darò di Dolores Redondo


Il nostro viaggio verso il Premio Bancarella 2018 - che si terrà a Pontremoli domenica 22 Luglio - si apre con la recensione di Tutto questo ti darò di Dolores Redondo per Dea Planeta, vincitore del Premio Selezione Bancarella. Una storia in grado di miscelare in modo coinvolgente e parzialmente affine al genere segreti, bugie e lontani silenzi immersi nelle atmosfere di una Galizia in tutto il suo splendore, riflettendo luci ed ombre di una società in continua evoluzione.

TUTTO QUESTO TI DARO' di Dolores Redondo
Prezzo: 16.50€ | Pagine: 578
Vincitore del Premio Selezione Bancarella 2018
Quando una coppia in divisa bussa alla sua porta, Manuel, scrittore di successo ossessivamente dedito alla stesura del prossimo bestseller, intuisce all'istante che dev'essere accaduto qualcosa di grave ad Alvaro, l’uomo che ama e al quale è sposato da anni. E infatti il corpo senza vita del marito è stato ritrovato al volante della sua auto, inspiegabilmente uscita di strada tra le vigne e i paesaggi scoscesi della Galizia, a chilometri di distanza dal luogo in cui Alvaro avrebbe dovuto trovarsi al momento dell’incidente. Sconvolto, Manuel parte per identificare la salma. Ma giunto a destinazione si ritrova invischiato in un intrico di menzogne, segreti e omissioni che ha al centro la ricca e arrogante famiglia d’origine del marito. Con l’aiuto di Nogueira, poliziotto in pensione dal carattere ruvido, e di Padre Lucas, il prete locale amico d’infanzia di Alvaro, Manuel indaga sulle molte ombre nel passato dei Muñiz Dávila e sulla vita segreta dell’uomo che si era illuso di conoscere quanto sé stesso. Serrato, sorprendente e ricco di atmosfera, Tutto questo ti darò è un thriller psicologico dalla sensibilità finissima, capace di indagare con la stessa onestà le dinamiche del cuore e quelle della nostra società.
Quando due uomini in divisa si presentano alla sua porta, Manuel sa già che la sua vita sta per essere stravolta, forse per sempre. Alvaro è morto in un incidente stradale, in una strada in cui non doveva trovarsi, senza la fede al dito. Tutto questo ti darò di Dolores Redondo si presenta come un'indagine profonda e sensibile sulle dinamiche dell'amore, del cuore e della nostra moderna società.

A dispetto di un genere come il thriller che - per sua stessa ed esplicita definizione - richiede un ritmo serrato ed un coinvolgimento immediato nel fulcro portante della storia, Tutto questo ti darò si apre fin dalle sue prime battute con una lentezza molto pronunciata, in grado di permettere al lettore di prendere confidenza con le sue tematiche, i suoi molteplici personaggi e le dinamiche che si presenteranno, forti e suadenti, pagina dopo pagina. Lo stile narrativo e linguistico della Redondo appare riflettere in modo evidente ed essenzialmente coerente quella tipologia comune a molti scrittori spagnoli, caratterizzati da un profondo attaccamento all'elemento descrittivo, riportando su carta ogni più piccola sfaccettatura e presentando al suo lettore ogni colore, ogni sfumatura, ogni particolare in grado di rendere la narrazione ancora più vivida e quasi tangibile ai nostri occhi. Un aspetto che senza dubbio denota un'ottima padronanza linguistica, ma che - a mio personalissimo avviso - rischia di allontanare il lettore dall'essenziale per spingerlo verso una ripetizione lessicale che ben poco lascia alla curiosità fervente che dovrebbe, altrimenti, caratterizzare il genere in questione. 

I personaggi che si alternano sulla scena di Tutto questo ti darò risultano essere ben delineati e coerenti nel complesso di una coralità che non perde mai contatto con il suo lettore, arricchendosi in modo elegante e mai eccessivamente invasivo di un'ambientazione rustica ed affascinante, in grado di dare pieno appoggio ad una storia che vive di lontani segreti ed impervi silenzi pronti ad essere, infine, rivelati. Anche se un appunto devo farlo: Tutto questo ti darò non può essere catalogato nel genere thriller puro e schietto, mancando di specifici elementi che, secondo me, non possono e non devono mancare nel genere sopra citato. 

Sottolineato questo, ritengo che Tutto questo ti darò sia nel suo complesso una lettura piacevole per quanti amano immergersi in una storia capace di unire fantasia a tematiche sociali molto attuali che la Redondo riesce a dosare con particolare precisione ed acuta intelligenza, senza mai strafare o risultare artificiosa. Non è un libro facile quello che vi ritroverete a scorrere sotto le vostre dita, ma potrei scommettere che troverete il modo di viaggiare lontano, catturati da tematiche personali e familiari che si colorano di sfumature impreviste capaci di sorprendere, fino all'ultima pagina.

38 commenti

  1. Un thriller ogni tanto non mi dispiace affatto.. però... lento e troppo descrittivo? Proprio no >.< peccato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo oramai che siano caratteristiche intramontabili degli scrittori spagnoli!

      Elimina
  2. Non è proprio il mio genere, passo

    RispondiElimina
  3. Mi preparo per leggerlo...
    Comunque è vero, gli spagnoli hanno questa tendenza ad allungare un po' troppo il brodo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh.. io so.. non li leggo spesso, sarà per questo?

      Elimina
  4. Vero, gli spagnoli hanno questa tendenza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, a quanto pare è elemento contraddistintivo!

      Elimina
  5. lo leggerò a maggio, sono preparata!

    RispondiElimina
  6. I thriller psicologici non mi dispiacciono. Magari più avanti proverò a leggerlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio. Non oserei definirlo thriller psicologico :)
      Come ho scritto nella recensione, mancano alcuni elementi per poter essere effettivamente un thriller a 360°

      Elimina
  7. Questo è un romanzo che non mi attira per niente.
    Però la tua recensione è stata precisa e puntuale. :)

    RispondiElimina
  8. Mi preparo per fine maggio, quando toccherà a me leggerlo. Sono molto curiosa ;)

    RispondiElimina
  9. Ho letto recensioni non proprio entusiaste e ogni patolpin piu che leggo mi convince che non sia il libro per me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto è che determinati elementi non saprei nemmeno in che genere inserendo. Sicuramente una lettura complessa ed intensa.

      Elimina
  10. Non so perché, ma non mi convince .Mi sa che passo.

    RispondiElimina
  11. Sembra un controsenso: un thriller deve tenere il lettore sul filo del rasoio e descrizioni troppo lunghe annoiano. Non credo che lo leggerò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo stesso appunto fatto da me, infatti. Forse partendo dal presupposto che non si tratti affatto di thriller si potrebbe apprezzare meglio l'intero romanzo.

      Elimina
  12. Il libro mi aspetta sul comodino (che oramai sembra la succursale di una libreria) ma ammetto di iniziare a preoccuparmi, sicuro non lo leggerò a breve. Per mole e contenuti mi sembra una lettura impegnativa, da fare quando si ha taaaaaanto tempo.

    RispondiElimina
  13. Credo sia un giallo. Il libro mi è piaciuto, ma effettivamente è troppo lungo.
    Ciao da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lea,
      sì forse ha un pizzico giallo :)

      Elimina
  14. Bellissima recensione! Il libro mi.ispirava già prima ma tu mi hai convinta

    RispondiElimina
  15. Avevo letto qualcosa di simile l'anno scorso, il libro si intitolava "L'isola di Alice" e raccontava di una moglie che scopre che il marito è morto in un incidente ma non era dove le aveva detto. Da li poi una mega indagine di una lentezza tremenda.
    Proprio per questo non so se affronterò un altro libro che gli assomiglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho letto quel libro, ma se è la lentezza il tuo cruccio, allora forse è meglio provare altre lettura XD

      Elimina
  16. Le recensioni che ho letto di questo libro non sono positive al 100% ma il romanzo continua a incuriosirmi.

    RispondiElimina
  17. Ciao mi presento sono Fedy e anche io come te ho la passione per i libri.
    Trovo il tuo blog molto bello e anche interessante.
    Sono una tua lettrice fissa.Se ti va passa a dare un'occhiata al mio blog http://lapiccolalibreriadelcuore.blogspot.it ne sarei molto felice…

    RispondiElimina
  18. Io e i thriller non andiamo per nulla d'accordo, questa volta passo ;)

    RispondiElimina
  19. Io incrocio le dita. Lo leggerò a breve... Speriamo bene!

    RispondiElimina

Leggere in Silenzio vive attraverso i vostri commenti, quindi lasciate un segno del vostro passaggio! Grazie per il vostro sostegno, Lettori.

Powered by Blogger.
Back to Top