Recensioni

Recensioni
Recensioni A-Z

In Libreria

In Libreria
IN LIBRERIA

Ciak Si Gira

Ciak Si Gira
CIAK, SI GIRA

[ RECENSIONE ] MALVAGIO FINO ALL' OSSO di Tony J. Forder | Nua

MALVAGIO FINO ALL' OSSO di Tony J. Forder
Pagine: 404 | Prezzo: 15.00€

Tra i boschi di Peterborough, nella contea del Cambridgeshire, vengono rinvenuti i resti di uno scheletro. L’ispettore James Bliss e l’agente Penny Chandler investigano sul caso e scoprono che la vittima, una giovane donna, è stata spostata dal luogo di sepoltura originale. Un testimone è convinto che una ragazza sia stata investita da un’auto nella lontana estate del 1990, e che la polizia sia intervenuta. Tuttavia, non esiste documentazione relativa all'incidente o alla presunta vittima. Mentre il caso progredisce, un paio di agenti in pensione vengono uccisi. I due avevano legami con dei colleghi che erano in servizio al momento della segnalazione di un incidente stradale. Bliss e Chandler, indagando, scavano più a fondo e cominciano a chiedersi se alcuni ufficiali di alto grado possano essere coinvolti nell'omicidio della giovane donna sepolta nei boschi. Ogni anello della catena subisce pressioni, compreso l’ispettore, che si scontra con i superiori e i media. Quando la sua squadra riceve avvertimenti mirati, Bliss dovrà decidere se mollare il caso o perseguire i responsabili. Abbandonerà, in modo da non danneggiare la propria carriera, oppure lotterà a ogni costo? Ed è possibile che il killer sia molto più vicino di quanto i due immaginino?
Potrei indovinare cosa state pensando - Oddio no, un altro thriller poliziesco - e sarei anche d'accordo con voi se non fosse che Malvagio fino all'osso di Tony J Forder risponde solo in piccolissima parte a questo specifico genere. Indubbiamente troverete uomini in divisa alle prese con un caso da riportare alla luce e con un colpevole da spedire dietro le sbarre, ma questo è solo il preambolo (che mi sento anche di saltare avendo già sicuramente letto la trama) capace di condurre il lettore al centro di una scena in continua evoluzione. E quella sensazione di pungente confusione che percepirete durante la lettura è cosa del tutto naturale, non combattetela perchè ne uscirete sconfitti. 

Un senso familiare di attesa era in agguato nel suo stomaco. 

È esattamente l'attesa quella che accompagna il lettore lungo il tortuoso percorso fatto di silenzi e mezze verità al fianco dell'ispettore Bliss e dell'agente Chandler. Quello che sarebbe potuto essere il più classico dei cold case - un caso rimasto sepolto per anni - viene a trasformarsi in qualcosa di molto più complesso, enigmatico e pericoloso. Un gioco di specchi ed illusioni, di carte voltate e assi nella manica che saranno svelati con la giusta parsimonia, tassello dopo tassello.
La storia che ci viene raccontata in questo primo capitolo della serie di Bliss si rivela essere una doppia trama che si interseca in più punti e capace di stuzzicare la curiosità del lettore sotto molteplici punti di vista: se da una parte abbiamo un percorso investigativo con colpi di scena e nodi da sciogliere, dall'altra troviamo la storia personale dell'ispettore che si mostra - passo dopo passo - in tutta la sua affascinante complessità. Un uomo che si dimostra essere tutto e il contrario di tutto sia nella vita privata messa a dura prova da un destino decisamente beffardo che nel suo quotidiano lavoro condotto con una passione profonda mitigata da una realtà corrotta impossibile da ignorare.

Un uomo forte e determinato, complesso e in grado di destare il giusto mix di stupore e curiosità. Un uomo non senza macchia e fallibile, che ha commesso i suoi errori ed è pronto ad affrontarli. Un protagonista maschile che  - in questo romanzo - sembra quasi riflettersi davanti ad uno specchio in grado di mostrare alcuni lati di sé, svelare quei giusti particolari che sanno smuovere la tenacia di ogni lettore e lasciandone in sospeso molti altri in attesa del capitolo successivo.

Malvagio fino all'osso è quel genere di thriller alla portata di ogni lettore. 
Non troverete immagini forti o particolarmente allusive come ce ne sono in romanzi già menzionati tra queste pagine (vedi Il Manoscritto di Thilliez o Il Suggeritore di Carrisi) perchè la scelta operata da Forder è chiara fin dalle prime pagine. Uno stile asciutto e diretto che si accompagna ad una scoperta introspettiva del suo protagonista maschile sanno tenere occupata la mente del lettore e spingerlo oltre il normale stupore attraverso un cammino tortuoso - già tracciato in partenza - fino ad un epilogo che sappiamo non essere tale.

Davvero un buon esordio per la casa editrice Nua Edizioni che ringrazio per la copia cartacea.

Nessun commento

Leggere in Silenzio vive attraverso i vostri commenti, quindi lasciate un segno del vostro passaggio! Grazie per il vostro sostegno, Lettori.

Powered by Blogger.
Back to Top